Pirelli, non ci siamo proprio!

Due nuovi compound per il 2018 che vanno a complicare le scelte dei team.

di Anonymous Geno
Anonymous Geno
(2 articoli pubblicati)
Pirelli

L'ultimo campionato di Formula 1 è stato rivelatore nella scelta delle gomme. La presunta libertà dei team è stata di fatto cancellata dalla durezza dei diversi compound. Le Ultrasoft a banda viola erano in grado di girare comodamente mezzo GP e l'unico problema che si ricordi  è accaduto alla Ferrari in terra albionica. L'introduzione di nuovi 2 nuovi compound, la Super Hard (le hard di quest'anno) e la Hypersoft (un gradino piú morbide delle ultrasoft) non fanno che aumentare la complessità nella scelta delle coperture, che restano comunque tutte troppo vicine in prestazioni tra di loro. In alcuni GP la differenza sui tempi è stata davvero minima, con le temperatura dell'asfalto a giocare da padrone nella scelta della mescola migliore. La Formula 1 si trova davanti all'ennesimo problema da quando esiste il monogomma targato Pirelli. Le scuderie non hanno libero arbitrio nelle gomme. Pirelli decide quali mescole portare e quali siano le pressioni di utilizzo. La mancanza di piú fornitori che possano lavorare a stretto contatto con le scuderie, fa si che le macchine vengano costruite attorno all'utilizzo degli pneumatici, ma le condizioni di Barcellona nei test non sono le stesse che poi si trovano nei gran premi stagionali. C'è inoltre una aspra battaglia politica nel portare Pirelli a decidere pressioni di utilizzo piú consone ed adatte alla propria monoposto.  Premesso che sono contrario al monofornitore, con le battaglie Bridgestone vs. Michelin ancora negli occhi, se Pirelli vuole davvero rendere servizio alla F1, deve adottare le seguenti strategie: 

1) Rendere davvero libera la scelta delle gomme 

2) Deve rendere le mescole davvero diverse tra loro, con 2 o 3 step di differenza.

3) La federazione deve abolire il pit stop obbligatorio, per favorire gli azzardi nelle strategie 

Con una Hypersoft da qualifica, che magari duri pochi giri, qualche scuderia minore potrebbe lottare per la Pole, mentre i grandi team potrebbero optare per mescole piu' conservative, sacrificando qualche posizione in griglia. Lo spettacolo è nuovamente artificiale, così come lo era con i rifornimenti, ma in mancanza di una lotta vera in pista (troppa la differenza tra i top team ed i team di metà schieramento) un parco gomme piú ampio e vario potrebbe dare la spinta giusta per avere un 2018 ancora piú incerto. Purtroppo siamo ancora lontani. 

Pirelli Hypersoft
Fonte: l'autore Anonymous Geno

DI' LA TUA

2
2 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. kikkino83 - 4 anni

    Scacco Matto, Pirelli dovrebbe dare dei range di utilizzo e dei “giri massimi” per la gomma. invece decide quali delle 7 mescole portare ( questa scelta potrebbe essere libera per il team) e nelle pressioni di utilizzo anche minimi scarti possono favorire l’una o l’altra scuderia. Pirelli da comunque delle indicazioni di sicurezza ai team, ma mi pare che le gomme esplodano lo stesso. La colpa e’ di Pirelli se il difetto e’ nello pneumatico, del team se hanno adoperato soluzioni non consone. Non mi pare forviante per nulla.

  2. .Scacco.Matto. - 4 anni

    Trovo l’articolo forviante in più punti, uno su tutti : “Pirelli decide quali mescole portare e quali siano le pressioni di utilizzo” . Certo che deve decidere Pirelli, se esplode una gomma ed il pilota si infortuna, di chi è la colpa ? Di Pirelli. Ovvio che debba dare oltre alla fornitura le regole di utilizzo corretto in pista.

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.