Mauro Forghieri, l’Ingegnere della rinascita Ferrari

A soli 27 anni ebbe l'incarico di Direttore Tecnico dal Commendator Ferrari

di Piero Tansini
Piero Tansini
(248 articoli pubblicati)
1977lIngegner Forghieri con Niki Lauda

l'Ingegner Mauro Forghieri  dopo la Laurea in Ingegneria Meccanica conseguita a Modena voleva andare negli Stati Uniti per impiegarsi nell'Industria Aeronautica. Il padre lo convinse a fare domanda alla Ferrari S.p.A. di Maranello dove il genitore lavorava da anni. La domanda fu accettata e come primo incarico si interessò della progettazione di componenti meccanici delle monoposto del Cavallino Rampante. Il fine 1961 fu determinante per la sua carriera. Parte dello staff Tecnico con a capo l'Ingegner Carlo Chiti e il Direttore Sportivo Romolo Tavoni lasciarono la Ferrari sembra per divergenze con la moglie Laura del Commendatore.

Il Drake tentò una delle sue carte rivelatesi vincenti. Affidò l'incarico di Direttore Tecnico al giovane Forghieri. Lui fu sorpreso e lusingato ma anche preoccupato per la sua scarsa esperienza. I primi mesi furono abbastanza stressanti ma poi arrivarono le soddisfazioni col titolo Iridato 1964 ottenuto con John Surtees anche grazie alla collaborazione di Lorenzo Bandini. Dopo quel Titolo le vittorie Ferrari  furono maggiori però nel settore Sport Prototipi. Memorabile fu l'arrivo in parata a Daytona nel 1967 con tre Ferrari ai primi tre posti.

In quegli anni la Ferrari era impegnata in varie categorie. In Formula 2 fu sviluppato il motore Dino con il pilota Tino Brambilla.  Nel 1973 a Forghieri furono affidati altri compiti fuori dalla Formula 1 ma la scarsa competitività della 312 B3 lo richiamarono alle origini e nel 1974 si videro i risultati. La 312 B4 rivista da lui sfiorò il titolo Iridato con Clay Regazzoni. Il pilota Elvetico lo perse all'ultima gara al Watkins Glen ma determinante fu la corsa di Zeltweg dove perse un secondo posto per una fermata ai box troppo lunga.

Il 1975 vide in pista la nuova creatura dell'Ingegner Forghieri. La Ferrari 312 T diede a Niki Lauda il suo primo Mondiale. Nel 1976 se non accadeva l'irreparabile con l'incidente di Niki Lauda al Nurburgring sarebbe arrivato il secondo suo titolo che perse solo all'ultimo Gran Premio del Giappone a favore di James Hunt. Nel 1977 con la 312 T2 Niki Lauda vinse il secondo titolo poi ci fu il divorzio dalla Ferrari in favore della Brabham-Alfa Romeo sponsorizzata dalla Parmalat.

Perso Lauda la Ferrari ingaggiò Gilles Villeneuve il quale vinse il suo primo Gran Premio in Canada nel 1978 con la Ferrari 312 T3 figlia dell'Ingegner Forghieri noto per il suo carattere che le fece guadagnare il soprannome Furia. Il 1979 fu un altro anno vincente per la Ferrari e per Forghieri con la sua 312 T4 che nonostante il motore piatto a 180° vinse contro le wing car con Jody Scheckter. Il 1980 fu un anno deludente a causa della scarsa competitività della 312 T5. Questa vettura era uno sviluppo della 312 T4 ma gli avversari migliorarono molto le loro wing car e vinse la Williams Ford con Alan Jones il Mondiale piloti.

Nel 1981 la Ferrari mise in pista la 126 T che era mossa da un motore 6 cilindri 1500 cc Turbo progettata dall'Ingegner Forghieri. Con questa monoposto Gilles Villeneuve vinse due Gran Premi. Il 1982 fu un anno di transizione con la 126 C2 il cui telaio fu progettato in honeycomb dall'Ingegner Harvey Postlewhite e fu un anno tragico con la morte a Zolder in qualifica dell'indimenticabile Gilles e l'incidente ad Hockenhein di Didier Pironi. Il 1983 vide Renè Arnoux  lottare per il Titolo Iridato vinto poi da Nelson Piquet su Brabham B.M.W.. Nel 1984  l'Ingegner Forghieri progettò la Ferrari 126 C4 con la quale Michele Alboreto vinse il suo primo Gran Premio a Zolder. Nel 1985 con la Ferrari 156 Michele Alboreto fu in corsa per il Titolo Iridato vinto poi da Alain Prost su Mc Laren TAG Porsche ma già l'Ingegnere non era impegnato al 100% nella progettazione che determinò lo spostamento ad altri incarichi dell'Ingegnere Modenese fino a lasciare la Ferrari ed approdare alla Lamborghini dove progettò un motore 12 cilindri e la Lambo che corse in Formula 1 con alterni risultati. Ecco la breve storia dell'Ing. Forghieri.

Fonte: l'autore Piero Tansini

DI' LA TUA

1
1 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. tpfas_645 - 3 anni

    Oggi 13 gennaio 2018 l’Ingegnere compie gli anni e io le faccio sentiti Auguri

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.