Bottas di vita nel tempio degli sceicchi

Il finlandese conclude la stagione davanti a tutti nell'ultimo appuntamento stagionale. Hamilton s'accontenta del secondo posto, seguito da Vettel e Raikkonen.

di Edoardo Gori
Edoardo Gori
(125 articoli pubblicati)
Orgoglio finnico

Terza vittoria stagionale per Valtteri Bottas nell'ultimo appuntamento della stagione di F1. Il finlandese ha preceduto il compagno di squadra Lewis Hamilton, già campione del mondo da due gran premi, e il ferrarista Sebastian Vettel, che ha messo al sicuro la posizione d'onore nel mondiale. Quarto l'altro alfiere della Rossa Kimi Raikkonen, che ha scavalcato Daniel Ricciardo (ritiratosi per problemi idraulici nella prima parte di gara) al quarto posto del graduatoria finale, davanti a Max Verstappen. Importante il sesto posto di Nico Hulkenberg, visto che ha permesso alla casa francese di ottenere la sesta piazza nel costruttori ai danni della Toro Rosso, facendo guadagnare 8 milioni di euro in più alla scuderia. Concludono la zona punti Perez, Ocon, Alonso e Massa che termina così dopo 15 anni la sua carriera sportiva. Un Gran Premio che non ha avuto grossi sossulti lì davanti, la Ferrari ha avuto un ritmo troppo altalenante e ha chiuso a quasi venti secondi da Hamilton secondo, il quale ha provato in un paio di momenti a impensierire il compagno di squadra senza però mai farlo preoccupare più di tanto. Stesso discorso per il duello Raikkonen-Verstappen. Qualche divertimento lo hanno regalato le retrovie: Alonso e Massa con un duello conclusosi con lo spagnolo vincitore, mentre poco prima avevano provveduto allo spettacolo anche Stroll e Grosjean, quest'ultimo con un primo stint molto lungo ha cercato di conquistare almeno un punto, arrivando però solo 11esimo, mentre il canadese è finito addirittura ultimo, in crisi coi troppi bloccaggi delle gomme. In generale era molto forte la sensazione dell'ultimo giorno di scuola, con tanti addetti ai lavori ormai focalizzati sul 2018 e anche al futuro più lontano (Ricciardo ai microfoni ha annunciato che in primavera parlerà con la Red Bull, probabile il suo addio?). È stato il mondiale più divertente dell'era ibrida, visti i cinque piloti andati a vittoria durante l'anno e la battaglia Ferrari-Mercedes aperta sino all'autunno. La speranza è che sia l'antipasto per un 2018 scoppiettante. L'inverno sta arrivando in F1, ma il lavoro per la nuova stagione è già nel vivo. Marzo e l'Australia non sono così lontani.

Il tramonto
Fonte: l'autore Edoardo Gori

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.