Sport e politica: quando i governanti si girano dall’altra parte. 1ª

Mancano poco più di 18 mesi ai prossimi Mondiali in Qatar, ed il crescente numero di vittime nei cantieri non si ferma. Manon Aubry in difesa dei lavoratori

di Fabio Faiola
Fabio Faiola
(80 articoli pubblicati)

Quando avvengono le ingiustizie sociali e lo sfruttamento sul lavoro, la carismatica leader della Sinistra Verde Nordica, nonché EuroparlamentareManon Aubry non le manda certo a dire, e senza peli sulla lingua e censure, parla in maniera diretta, schietta e sincera a chi ha orecchie per ascoltare. Per questa sua onestà  una parte del popolo francese, e non solo, la venera e si identifica in lei. 

Di recente ha preso posizione sulla drammatica questione delle morti nei cantieri in costruzione  per i prossimi Mondiali in Qatar, che si svolgeranno dal 21 novembre al 18 dicembre 2022. Le sue dichiarazioni sono cosi pertinenti e precise che meritano di essere lette.

Manon Aubry: oltre 6.750 morti dal 2011 ad oggi

Che ci piaccia o no, questo sport che riunisce miliardi di fan in tutto il globo è diventato un argomento maledettamente serio ed importante, oltre che un grosso affare di soldi. Non si scopre certo oggi il calcio business ed i suoi eccessi: deregolamentazione, privatizzazione, corruzione, arricchimento di pochi sono all'ordine del giorno. Il dramma è che a pagare questa situazione in Qatar sono le 6.750 vittime (innocenti) che ci sono state fino ad oggi, ed i loro famigliari. La domanda ora è questa: sul serio si ha voglia di giocare e festeggiare sui cadaveri di queste persone?

L'antefatto e la tirannia della "Kafala"

Nel 2010 la FIFA decise di affidare i Mondiali del 2022 al Qatar. La cosa sembrò alquanto sospetta, e la Francia ebbe un ruolo a dir poco imbarazzante per tale assegnazione. La scelta destò stupore e scetticismo proprio in virtù del fatto che nel paese dei petroldollari non vi erano le strutture e infrastrutture adeguate, oltre al clima favorevole per le competizioni agonistiche. Questi 2 aspetti di certo non erano ignoti ai vertici della Federazione Internazionale

Ritornando ai nostri giorni, li i lavoratori sono sottoposti ad un regime di schiavitù, la "Kafala", che garantisce un potere schiacciante alle imprese dominanti. Gli operai stranieri, che rappresentano il 95% della forza lavoro della nazione, sono costretti a pagare un'agenzia di assunzioni e non possono cambiare lavoro, uscire dal territorio, affittare un alloggio o addirittura aprire un conto in banca senza il consenso del loro datore di lavoro. La confisca dei passaporti è una pratica comune ed i sindacati, per legge, sono vietati.

Turni e condizioni di lavoro inumane. La tragedia di 12 morti a settimana dal 2011. I dubbi delle ONG

Il Qatar sostiene di aver fatto le riforme, ma le ONG nutrono seri dubbi sulla loro attuazione. Dal 2012 la Confederazione Sindacale Internazionale e l'associazione Human Rights Watch hanno segnalato agli organi competenti le inumane condizioni di lavoro nei cantieri della Coppa del Mondo.

 Le segnalazioni, purtroppo, sono state ignorate dalla FIFA e confermate a febbraio dal quotidiano "The Guardian", le quali parlano chiaro: 6.750 morti dal 2011 ad oggi, 12 morti a settimana in 2 lustri. Le autorità locali, ovviamente, negano i fatti e cercano di farci credere che si tratti di decessi per cause naturali. Ma le testimonianze reali  convergono, ahime, con dei dati terrificanti: fino a 70 ore di lavoro settimanali a 40º gradi sotto il sole, straordinari non pagati, ritardi salariali, sistemazioni in topaie lontane dai cantieri, assenza di assistenza sanitaria ed incapacità di accedere agli ospedali. 

Le multinazionali non si sono sbagliate perché: i Mondiali sono un'enorme opportunità (perfetta) per fare giganteschi profitti, sfruttando, impunemente per ora, i poveri operai. È dunque in questo contesto di sfruttamento e miseria umana che si costruiscono gli immensi stadi e le infrastrutture che ospiteranno le partite dei Mondiali 2022.

Fine 1ª  Parte.

Fonte: l'autore Fabio Faiola

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.