Sorteggi Champions League: urna infausta per Ancelotti e Spalletti

Al Napoli tocca Cavani e Salah, mentre all'Inter spetta Kane e Messi. Se la cavano piuttosto bene Juventus e Roma. Si parte il 18 settembre. Finale a Madrid

di Antonio Salvati
Antonio Salvati
(78 articoli pubblicati)
il Trofeo

E finalmente si fa sul serio. Stasera a Monaco sorteggiati gli otto gironi della prima fase della nuova Champions League, edizione 2018-2019. Inizia la caccia ai tri-campioni europei del Real Madrid. Analizziamo, uno per uno, i gruppi.

GRUPPO A - Atletico Madrid e Borussia Dortmund sicuramente favorite, almeno sulla carta, con il Monaco variabile impazzita del girone. Il Club Brugge parte decisamente dietro e non credo possa davvero infastidire le altre tre, nemmeno per la contesa del terzo posto utile per l'Europa League.

GRUPPO B - All'Inter poteva andare decisamente peggio, partendo dalla quarta fascia. Certo, il Barcelona è un cliente che tutti vorrebbero evitare, ma i nerazzurri se la possono giocare con il PSV Eindhoven e, almeno a Milano, con il Tottenham. E' un gruppo, questo, che potrebbe riservare qualche sorpresa, fermo restando che il Barcelona è la grande favorita per il primo posto. Dietro, il Tottenham, ma non così marcatamente distante dalle altre.

GRUPPO C - Contrariamente all'Inter, al Napoli peggio non sarebbe potuta andare. Passi per la prima fascia, dove difficilmente si evitano squadre fortissime, ma ai partenopei tocca la terza fascia peggiore: il Liverpool vice campione d'Europa. La Stella Rossa resta molto indietro nelle gerarchie, ma fa comunque piacere rivedere in Champions una squadra dal passato blasonato come quello dei serbi (all'epoca, jugoslavi). PSG e Liverpool, almeno potenzialmente, restano favorite per il passaggio agli ottavi, ma il Napoli con i gironi di ferro ha sempre dimostrato di potersela giocare.

GRUPPO D - Il girone con meno appeal degli otto sorteggiati. Il Lokomotiv Mosca in prima fascia è un pugno nell'occhio, ma il girone resta altamente equilibrato grazie alla presenza di Porto, Schalke 04 e Besiktas. Non esiste una reale favorita; tutte posso passare e tutte rischiano di uscire fuori. Così, a primo impatto, direi che Porto e Schalke 04 hanno qualcosa in più, ma giocare a Mosca e Istanbul non è facile per nessuno, quindi situazione di equlibrio davvero imperante.

GRUPPO E - Al Bayern tocca uno dei gironi forse meno impegnativi. Sicuramente Benfica e Ajax rappresentano sfide affascinanti, ma sia i portoghesi che gli olandesi non sono più quelli di qualche tempo fa. L'AEK Atene, tornato in Champions quando cinque anni fa era in Serie C greca, potrebbe giocare da sparring-partner anche se, almeno in casa, potranno dare filo da torcere, Bayern compreso. Ovviamente, tedeschi favoriti e mi giocherei qualche spicciolo sulla qualificazione dell'Ajax, a scapito del Benfica.

GRUPPO F - Non dovrebbero esserci troppi problemi nemmeno per il City di Guardiola. Si riproporrà la sfida contro lo Shaktar Donetsk, in un gruppo dal quale passarono entrambe agli ottavi. Al posto del Napoli dello scorso anno, ci sarà il Lyon mentre all'esordiente Hoffenheim il ruolo di "Cenerentola" del girone, ma solo sulla carta, perché i tedeschi esibiscono un ottimo calcio. City davanti a tutti, ma dietro alla corazzata di Guardiola, ci sarà una bella bagarre. Mi verrebbe da scommettere sul Lyon, ma la recente cessione di Mariano Diaz al Real Madrid sposta l'ago della bilancia nuovamente a favore dello Shaktar.

GRUPPO G - Real Madrid favorito d'obbligo, nonostante abbia perso l'allenatore e l'uomo di punta con i quali ha vinto tre Champions di fila. Alla Roma va di lusso, perché CSKA Mosca e Viktoria Plzen sono squadre ampiamente alla portata.

GRUPPO H - Benino va anche alla Juventus, che se la vedrà con Mourinho e il grande 'ex, Pogba. Oltre al Manchester United, seconda forza del girone, Valencia e, molto più dietro, lo Young Boys. La Juventus di coppa non è come il rullo compressore in Italia, ma stavolta c'è un Cristiano Ronaldo in più. Ergo, bianconeri favoriti per la conquista del girone e c'è da capire il destino di questo United, chissà se ancora guidato da Mourinho in quest'avventura europea. Il Valencia è vigile e spera in qualche passo falso inglese.

Fonte: l'autore Antonio Salvati

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.