Lorenzo Pellegrini è un campione o un grande bluff?

Lorenzo Pellegrini è campione o uno dei tanti? Se lo chiedono tutti i tifosi giallorossi, compreso il neo tecnico giallorosso José Mourinho.

di Arsenico 17
Arsenico 17
(8 articoli pubblicati)

Lorenzo Pellegrini è un buon, grande calciatore o  il più grande bluff degli ultimi trent’anni a questa parte? Domanda difficilissima, almeno per le capacità elettive dello scrivente. Magari la risposta è dietro l’angolo. Eppure, sono sicuro che se lo staranno chiedendo la stragrande maggioranza dei tifosi della “Magica”; E magari degustando un buon caffè - opportunamente corretto quando si parla della Roma e dei suoi protagonisti - in uno dei tanti bar affollati della Capitale.  Magari alla Garbatella o a Trastevere. Chi può dirlo? Bere per dimenticare, sembrerebbe essere l'attuale tantra di milioni di lupacchiotti innamorati dei colori più belli del mondo: il giallo e il rosso. Insomma, tutti quelli che - quando si discute sul valore calcistico del loro attuale “capitano” - non sono altrettanto “magici” per poter determinare con assoluta certezza nemmeno un grado di giudizio per il loro idolo calcistico. Di conseguenza Lorenzo Pellegrini passa spesso ingiudicato durante i novanta minuti di gioco.  In un modo o nell’altro il ragazzo romano, con il numero sette cucito sulle spalle (quello che fu di un certo Bruno Conti), la fa sempre franca. Beato lui, minimo sforzo massima resa: un conto in banca da milionario. Dunque questo è il maggiore talento per il centrocampista giallorosso? Se così fosse, beh, allora quello di Lorenzo sarebbe il crimine perfetto. I fatti in campo dicono assolutamente  di sì a causa di una stagione molto deludente con più ombre che luci. E allora, nonostante l’era Mou sia soltanto agli arbori di un'epoca si spera magica, la sentenza per Lorenzo Pellegrini è stata già scritta? Lorenzo  è semplicemente un leader informale nonché un modesto calciatore, grandissimo con i piccoli e spesso piccolo, piccolissimo, con i grandi club d’Italia? 

A questo punto non ci resta altro che piangere? Ma ché! No, aspettare pazientemente un’altra stagione e magari quella buona. La famigerata e temuta  fumata giallo e rossa che in passato tutto il mondo fece tremare. Insomma attendere quello che a Roma capita una volta ogni morto di Papa. E come al solito al campo di gioco l’ardua sentenza…perché spesso le chiacchere nel calcio fanno zero a zero. Ehm e io aspetto, memore dei tempi difficili e che ci vuole? Ohmmmmm! 

Arsenico17

Fonte: l'autore Arsenico 17

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.