Napoli sbatte contro la fatal Verona.

Azzurri fermati dagli ottimi scaligeri. Ma restano ancora primi.

di Gaetano Loffredo
Gaetano Loffredo
(33 articoli pubblicati)

Ancora Primi. 

Che sia ben chiaro, gli uomini di Spalletti in questo primo scorcio di campionato hanno giocato 12 partite, ne hanno vinte 10 e pareggiate 2.  Il ruolino di marcia è entusiasmante e va oltre le più rosee aspettative, ma ci sono degli spunti che vanno analizzati.

Obiettivo Champions :

Il Napoli parte ai nastri di partenza con l'obiettivo principale di centrare la qualificazione per l'Europa che conta. Piazzamento che manca da ben 2 stagioni ed è di vitale importanza per il proseguo della competitività di questa formazione. Ma.... Adesso se la gioca, è lì e ne dà la dimostrazione, però qualche spia inizia ad accendersi.

Anguissa stanco ?

Probabilmente si. Le ha giocate praticamente tutte da quando ha messo piede a Napoli e ieri si è denotato un calo soprattutto alla distanza, 

Sottotono ieri anche Fabian ed Insigne , a tratti anche Osimhen, ma questi ragazzi provenivano da infortuni, lievi ma sempre infortuni sono ed i troppi impegni azzerano la possibilità di recuperare.

Zielinski che succede?

Classe cristallina, che stia bene o meno nel suo ruolo le gioca tutte lui, ma come ? 

È palese che il ragazzo non sta bene fisicamente ed alla squadra mancano i suoi strappi ed il suo creare superiorità numerica, ma soprattutto una continuità che stenta così a fargli fare il salto di qualità.

Il Napoli da qualche partita non dà più l'impressione della schiacciasassi, ma sempre di grande solidità , ed onore ad un bellissimo Verona che ieri con organizzazione ed impegno ha portato a casa un ottimo risultato.

Mertens e Ounas troppo tardi?

Forse, ma forse l'assenza di Koulibaly ha fatto rischiare meno il tecnico di Certaldo , anche se il palo di Dries a 4 dalla fine grida ancora vendetta.

Ora c'è la pausa per le nazionali, e tanti calciatori saranno impegnati , al rientro i partenopei fino a Natale avranno scontri decisivi , subito Inter a San Siro e poi la Lazio al Maradona. A dicembre Atalanta e Milan. Nel mezzo Sassuolo ed Empoli con 2 partite decisive di Europa League. 

Dopo questo ciclo da fare tremare i polsi, capiremo se il Napoli può essere davvero competitivo fino alla fine per il titolo 

Fonte: l'autore Gaetano Loffredo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.