Ciro Immobile: il prototipo dell’attaccante perfetto

Attuale capocannoniere della Serie A e goleador del club biancoceleste, Ciro Immobile sta frantumando record su record. E Inzaghi se lo coccola...

di Giulio Zampini
Giulio Zampini
(37 articoli pubblicati)
Ciro Immobile, qui ritratto in maglia biancoceleste

La Lazio, attualmente quarta in campionato a pari merito con i cugini e a +1 sull’Inter, lotta per un posto in Champions mentre si gode il risveglio dell’attaccante napoletano. Anzi, proprio perché il club lotta per un posto in Europa, si coccola il 28 enne. Amore e favore ricambiato da Immobile, che da quando indossa la maglia della Lazio ha messo a segno 52 goal in 67 presenze. Insomma, Ciro ringrazia la Lazio e il club ringrazia Ciro.

NUMERI DA "CAPOCIRO" 45 presenze, 41 goal e 11 assist complessivi in questa annata, tra cui: 31 presenze, 29 goal e 10 assist in campionato; 9 partite, 8 marcature e 1 assist in Europa League; 4 presenze e 2 goal in Coppa Italia e la doppietta in supercoppa. In sostanza, numeri sbalorditivi del 28 enne napoletano.

LE QUALITA’ Nello spogliatoio è diventato un punto di riferimento, in campo è il trascinatore che mancava. Ciro Immobile è una prima punta di qualità, forte fisicamente e bravo nel gioco aereo. E’ un giocatore di sacrificio, aiuta spesso i compagni in fase difensiva ma nonostante ciò riesce a rimanere lucido e freddo quando si trova davanti al portiere avversario. Nonostante il fisico possente, che lo rende in tutti i sensi un animale d’area, è agile nei movimenti e capace di dribbling nello stretto.

LA CARRIERA Ciro Immobile, classe 1990, nasce a Torre Annunziata. In “patria” inizia a muovere i primi passi nelle giovanili del Sorrento. Nel 2007, a soli 17 anni, viene acquistato per 80 mila euro dalla Juventus; tuttavia, nel club bianconero non riesce ad emergere, e iniziano i vari prestiti: Siena, Grosseto e Pescara. Nell’annata 2012-2013 passa al Genoa, dove viene impiegato con più continuità (33 presenze e 5 goal). L’anno successivo approda a Torino, sponda granata, mettendo nel curriculum 22 reti in 33 presenze. Viene notato all’estero, soprattutto dal club tedesco del Borussia Dortmund, che nell’estate 2014 lo acquista per 19,4 milioni di euro. Forse per problemi tecnici, forse per la lingua, Ciro trova poco spazio e decide di rifarsi al Siviglia, dove, purtroppo per lui, mantiene basso il suo rendimento. Nel 2015, prima di approdare alla Lazio, viene girato in prestito al Torino dal club spagnolo. Dal 2016, stabilmente fisso nella capitale sponda biancoceleste, Immobile ha ritrovato fiducia e, di conseguenza, raffiche di goal.

Un posto in Champions passa da Ciro.

Fonte: l'autore Giulio Zampini

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.