L’Udinese frena l’esordio dell’Allegri-bis! A Udine finisce 2-2!

Comincia con un pareggio l'avventura-bis di Massimiliano Allegri sulla panchina bianconera. A Udine è 2-2! Nel recupero annullato un goal a CR7 per fuorigioco.

di Biagio Grillo
Biagio Grillo
(45 articoli pubblicati)

Alla Dacia Arena di Udine finisce col risultato di 2-2 la prima ufficiale di Allegri, al ritorno dopo due anni sulla panchina juventina.

È un pareggio che sa di beffa per i bianconeri, che avanti di due goal segnati dopo venti minuti (in goal Dybala e Cuadrado), si vedono recuperare nel secondo tempo dall’ex di turno Pereyra (su rigore) e da Deulofeu.

Su entrambe le reti dei friulani grosse responsabilità del portiere Szczesny, che sul primo goal non trattiene un tiro non irresistibile commettendo poi il fallo che porta al rigore, e sul secondo commette un pasticcio facendosi intercettare un passaggio da Okaka, che poi ha servito Deulofeu che ha dovuto solo spingere in rete.

Var protagonista della gara in particolare nei minuti di recupero, quando Chiesa con un grande cross di mancino trova la testa di Cristiano Ronaldo che batte Silvestri, trovandosi però in posizione di offside per una spalla oltre, quindi davvero per questione di centimetri. Fuorigioco praticamente impossibile da vedere a occhio nudo e perciò ci teniamo in dovere di ringraziare la tecnologia che, almeno nelle questioni di fuorigioco e goal-non goal, spazza via ogni polemica ormai da quattro anni a questa parte.

Il tecnico livornese può comunque tornare a casa con delle buone sensazioni. La Juve vista quest’oggi ha sì pareggiato ma ha dato la prova di poter dire la sua in questo campionato. Specialmente nel primo tempo ha dominato l’Udinese e sembrava avere una marcia in più proprio dal punto di vista atletico.

Alla squadra di Gotti va riconosciuto il merito di non aver gettato la spugna e di non essersi disunita, come era facile fare visti i due goal incassati quasi a freddo e la caratura dell’avversario. Sicuramente, il ritorno di una parte dei tifosi allo stadio ha dato ulteriore carica e foga agonistica ai friulani, che ne hanno fatto tesoro.

La Juve come detto può accontentarsi di vedere il bicchiere mezzo pieno, cose positive si son viste. A mio parere rimane la favorita numero uno per la vittoria finale dello scudetto.

Davanti Allegri possiede una varietà di scelta e di alternative valide così ampia da poter pensare di risolvere la partita in qualsiasi momento. (Basti pensare che oggi sono entrati dalla panchina Chiesa, Ronaldo e Kulusevski). 

La difesa ha qualche anno in più, è vero, ma a centrocampo è arrivato un campione d’Europa come Locatelli che potrà dare una grossissima mano alla causa juventina, non appena entrerà a pieno rodaggio e troverà maggiore intesa con i compagni.

Delle big scese in campo finora, tuttavia, Madama è l'unica ad aver steccato. Difatti nell'ordine Inter, Lazio, Atalanta, Roma e Napoli sono riuscite tutte a portare i tre punti a casa, in attesa del risultato del Milan impegnato stasera a Genova contro la nuova Sampdoria di D'Aversa. 

Fonte: l'autore Biagio Grillo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.