Lazio-Inter, 5 maggio 2002: delusione e rinascita

Sono già passati 16 anni da quel lontano 5 maggio 2002, giorno in cui l’Inter perse incredibilmente uno scudetto ormai già in tasca

di Francesca Landini
Francesca Landini
(162 articoli pubblicati)
FC Internazionale Milano v AS Roma - Tim

5 maggio 2002 - 5 maggio 2018. Sedici anni, sedici lunghissimi anni ricchi di emozioni, trionfi, vittorie storiche ed, al momento ineguagliate (almeno in Italia), delusioni, addii e cambi societari. Sedici anni di trasformazioni, positive e negative. Sedici anni di esultanze e di grida, di imprecazioni e di enormi amarezze. Sedici anni in cui l’unica cosa che è rimasta inalterata è la passione. L’amore degli interisti per la propria squadra è un qualcosa che va oltre la rabbia e la delusione, anzi, si rafforza con esse. È un sentimento infrangibile ed indissolubile. Essere nerazzurri è un orgoglio, nella sconfitta e nella vittoria. E non importa se tornando indietro negli anni, le delusioni sono state tante ed indescrivibili: cosa c’è di peggio di perdere un campionato all’ultima giornata? Tutti noi interisti ricordiamo bene quella data e le emozioni vissute quel giorno. Un incubo in pieno stile nerazzurro dove, nell’arco di una partita, si è passati dall’euforia, alla delusione, dalla speranza, al pianto.

Il sogno di un popolo svanito in novanta maledettissimi minuti. Non era facile riprendersi da una batosta del genere ma paradossalmente, dal quel giorno, il rapporto del tifoso interista con la squadra è diventato ancora più viscerale. Dopo l’ovvia delusione iniziale, tutto il mondo Inter si è compattato costruendo le basi per le grandi vittorie degli anni successivi. Trionfi meravigliosi ed indimenticabili come lo storico Triplete, guarda a caso, iniziato proprio allo stadio Olimpico, il 5 maggio 2010. Corsi e ricorsi storici non casuali. Tutto quello che il calcio ha tolto, in termini di gioia e di emozioni agli interisti otto anni prima, è stato riconsegnato con tanto di interessi nel 2010. Quando la sera del 5 maggio la corazzata di José Mourinho ha messo in bacheca la Coppa Italia, primo trofeo di una stagione a dir poco esaltante. 

Per l’Inter ed i suoi supporter il 5 maggio non sarà mai una data qualunque. Rappresenta la rabbia e l’orgoglio, il pianto e la gioia, la sofferenza e l’esultanza. Rappresenta l’essenza dell’essere nerazzurro fino al midollo. Il nostro essere, il nostro DNA, il nostro modo di vivere la squadra. Noi che abbiamo superato ogni difficoltà insieme, contro tutto e contro tutti e che da zimbello d’Italia siamo diventati gli Unici ad aver vinto tutte le competizioni in una sola stagione! Noi, tanto denigrati ma sotto sotto invidiati da molti, godiamoci questa giornata di pura follia, di pazzia 100% nerazzurra. Buon 5 maggio interisti! Buon 5 maggio a tutti noi che abbiamo saputo trasformare un incubo nel sogno più bello della nostra vita!

Fonte: l'autore Francesca Landini

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.