Tra il Milan e la Juve in Europa League va… il Napoli

Il racconto dell'ultima giornata di campionato 20/21, con la volata Champions in primo piano.

di Biagio Grillo
Biagio Grillo
(33 articoli pubblicati)

È dunque fu Fatal Verona. Come quella del Milan di Sacchi nel '90, che perse clamorosamente lo scudetto al Bentegodi, a vantaggio del Napoli di Maradona; adesso proprio il Napoli butta via una grande occasione inciampando sui veneti, che devono trovarsi a proprio agio a distruggere i sogni delle big d'Italia.

Una partita che il Napoli ha giocato veramente male, deludendo le aspettative, e che forse meritava anche di perdere, ma che è riuscito a sbloccare con un goal fortunoso dell'ex Rahmani, il primo in maglia azzurra, e fino ad allora il più importante della stagione. Sembra tutto fatto ma al 69° ecco che alle spalle di Hysaj sbuca Faraoni, che di destro fa partire un diagonale che colpisce il palo e si insacca in rete, imparabilmente per Meret. 1-1.
Nel finale un paio di occasioni per i partenopei: una per Politano, e una ghiottissima per Petagna che di testa sfiora la traversa praticamente a partita finita. 
Niente da fare, il Napoli pur con i favori del  pronostico non riesce ad aggrappare l'obiettivo Champions, Gattuso viene esonerato da ADL con un tweet, e ad esultare sono Milan e Juve.

Milan che torna nell'Europa dei grandi dopo ben 7 anni di assenza, e lo fa con una grande prova di carattere, vincendo 0-2 a Bergamo, con l'Atalanta che per il secondo anno di fila perde l'opportunità di arrivare seconda all'ultima giornata, ancora perdendo 0-2, e ancora contro una milanese (l'anno scorso a batterla fu l'Inter di Conte). Due rigori di Kessié spediscono il diavolo in paradiso, a coronamento di una stagione fantastica, che ha visto la squadra di Pioli essere anche campione d'inverno. Il tecnico emiliano può esultare, è la sua rivincita!

Per la Juve di Pirlo tutto facile a Bologna. I bianconeri passano con un perentorio 1-4, con i goal di Chiesa, Rabiot, e la doppietta di Morata. Gli uomini di Mihajlovic mai in partita e Madama che in extremis agguanta il fondamentale quanto insperato posto Champions. Pirlo adesso può sperare nella conferma.

Si è concluso un altro campionato. Campionato che ha visto trionfare l'Inter di Conte con 91 punti, a +12 sul Milan secondo; ha visto qualificarsi Napoli e Lazio all'Europa League, la Roma ai preliminari di Conference, e ha dato il suo saluto a Benevento, Parma e Crotone. 

Ora non resta altro che iniziare il conto alla rovescia per Euro2020 e tifare gli azzurri del Mancio. Per quanto riguarda la Serie A, appuntamento all'anno prossimo! 

Fonte: l'autore Biagio Grillo

DI' LA TUA

1
1 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. Salvo - 3 settimane

    Solita partita della Juve che a giochi fatti trova avversarie che si scansano

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.