Roma non buttarti via. Cancella il derby e riparti

Brucia enormemente la doppia sconfitta in pochi giorni dei giallorossi. Lo Spezia non può vincere cosi facilmente allo stadio Olimpico, cosi come la Lazio.

di Fabio Faiola
Fabio Faiola
(69 articoli pubblicati)
AS Roma v Cagliari Calcio - Serie A

Sembra di rivedere il film horror della passata stagione, in cui la Roma prima del periodo natalizio si trovò ad avere una classifica soddisfacente, e subito tutti a pensare che finalmente il mister Fonseca avesse trovato l'equilibrio per far rendere al meglio la squadra, ma non fu cosi. Al rientro ci furono 2 sconfitte casalinghe consecutive prima in casa con il Torino (in agonia) per 2-0, e dopo  contro la Juve di Sarri per 2-1 (molto più forte di quella attuale).

 Successivamente in Coppa Italia i capitolini superarono per 2-0 il Parma negli ottavi, con una prova convincente e di carattere, tanto da far pensare che il periodo nero fosse terminato, e purtroppo non fu cosi. Dopo la vittoria sul Genoa per 3-1 al Marassi nella 20ª giornata, iniziò uno dei peggiori periodi dell'era Pallottiana e la compagine perse ogni certezza. 

La formazione uscì dapprima dalla Coppa Italia, perdendo 3-1 in Piemonte contro  la Juventus, terminando così nei quarti di finale il cammino verso una competizione che solo la Magica snobba; forse i giocatori ed i dirigenti non credono che arrivare in finale di Coppa, giocandola tra le altre cose nella propria città, sia una motivazione nobile per cui valga la pena battersi

Dopo la sconfitta di Torino, ci fu il pareggio nel derby per 1-1, a cui si aggiunsero 3 sconfitte consecutive con Sassuolo (4-2), Bologna (2-3) ed Atalanta (2-1) con delle prestazioni abbastanza allarmanti. Il sole tornò con le vittorie sul Lecce per 4-0 e di Cagliari per 3-4, ma il sogno del  posto ormai era andato a finire nel cassetto dei desideri impossibili da realizzare sul campo, ed infine come tutti ricorderanno arrivò il Covid maledetto che fermò e rinviò la vita sociale, economica, lavorativa e sportiva di un intero pianeta.

 Tornando ai nostri giorni, il popolo giallorosso (che meriterebbe il Nobel della sopportazione, per quante ne patisce da tanti anni ormai), anche in virtù della bella prova contro l'Inter, questa volta proprio non si aspettava un doppio ko di quelle dimensioni contro avversarie che non sono certo più forti dei loro beniamini, anzi, per la qualità della rosa la Roma, almeno sulla carta, è teoricamente superiore.

 Il campo però da sempre esiti diversi da quelli che spesso ci si aspetta, e così facendo nel giro di 10 giorni da possibile outsider per lo scudetto ad un probabile posto in Champions, i Lupi (senza zampe) sono sprofondati nel caos più totale, e sembrano aver smarrito ogni certezza nel giocare e soprattutto la serenità fuori dal rettangolo di gara, che ti fa commettere errori in quantità industriale.

  Adesso l'invito che farei ai romanisti è quello di resettare quanto prima la batosta presa dalla Lazio (seppur dolorosissima) e la figuraccia contro lo Spezia, perché non tutto è perduto ed il quarto posto ancora è possibile. Bisogna inoltre dimenticare in fretta il caso delle 6 sostituzioniLa classifica dice 34 punti, e considerando il punto perso di Verona a cui aggiungerei pure i due punti persi contro i bianconeri, che in 10 pareggiarono all'Olimpico, la Roma oggi ne avrebbe 37 e quindi si troverebbe a ridosso dell'Inter e del Milan, contro le quali gli uomini di Fonseca non hanno sfiguratouscendone senza sconfitte

Certo non è ancora da tricolore, ma non è nemmeno da buttare via come in molti dicono, e 2 partite storte non possono cancellare tutto il buono fatto fino ad ora. Visto che il calendario è abbastanza clemente, ed ironia della sorte, già sabato la Roma avrà l'occasione di prendersi la rivincita sui liguri (all'Olimpico), magari vedremo 11 gladiatori feriti che vorranno mettersi subito alle spalle le opache prove di questi ultimi giorni. 

Dopo lo Spezia, Dzeko e compagni affronteranno nella prima di ritorno il Verona, poi voleranno a Torino per affrontare i ragazzi di Pirlo (non imbattibili quest'anno), ed ospiteranno l'Udinese il 14 febbraio, per poi iniziare il 18 dello stesso mese il cammino continentale in Portogallo contro il Braga. 

  Forza Roma non mollare.

AS Roma v Udinese Calcio - Serie A
Fonte: l'autore Fabio Faiola

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.