L’Inter e dicembre: più che una maledizione una cattiva abitudine

Ogni qual volta che la squadra disputa una stagione al vertice, è proprio a cavallo di Natale che spesso l'Inter perde punti decisivi per il finale di stagione

di Alessandro Gagliarducci
Alessandro Gagliarducci
(22 articoli pubblicati)
Simoni Moratti

Diciamo la verità, chi di noi avrebbe immaginato che, dopo lo 0 a 0 dello Juventus Stadium, l'Inter avrebbe perso (in soli 10 giorni), nell'ordine, primato, Scudetto d'Inverno e quarto di finale di Coppa Italia? Naturalmente pochissime persone.

In realtà, analizzando gli ultimi 20 anni, se si escludono le quattro stagioni in cui è stato vinto lo Scudetto sul campo, ogni qual volta che la Beneamata si è ritrovata a Dicembre nelle prime posizioni, è sempre coinciso un periodo di appannamento che le ha fatto, nel migliore dei casi, perdere punti decisivi per la vittoria del campionato;oppure, nel caso peggiore, iniziare un'inversione di tendenza che si è protratta per tutta la stagione.

Anno 1997-98. E' l'anno del famigerato rigore di Iuliano su Ronaldo. In realtà in pochi ricordano che fino a Dicembre, la compagine di Gigi Simoni era dominatrice incontrastata del campionato: alla 13° giornata era prima con zero sconfitte all'attivo, 29 goal fatti e soltanto 12 subiti.
La giornata successiva, il 21\12\1997 l'Inter perse in casa contro l'Udinese di Zaccheroni, iniziando un periodo negativo che durò fino a Febbraio, facendole perdere il primato a favore dei rivali di Lippi: se non ci fosse stato questo "momento" privo di risultati, il rigore di Ceccarini non sarebbe risultato così decisivo.

Anno 2001-02. E' l'anno del 5 maggio e di Lazio-Inter 4-2. La squadra di Hector Cuper si presenta alla 15° esima giornata (15\12\2001) da prima della classe e con un attacco che, oltre ad avere in dote  Vieri, Ventola e Kallon, aveva appena recuperato Ronaldo dopo un anno di stop.
In quella giornata però,il Chievo dei miracoli di Gigi Del Neri espugnò San Siro, inaugurando per Zanetti (e  compagni) un periodo di risultati altalenanti che permisero a Roma e Juventus di rientrare tra le squadre di vetta, creando di fatto il terzetto che si giocò il campionato nel Maggio seguente.

Anno 2012-13. Dieci anni dopo, in cui l'Inter per la verità ha aperto e chiuso un ciclo tra i più vincenti della sua storia, la panchina è affidata all'Homo Novus Andrea Stramaccioni. Alla 16° giornata, il 9\12\2012 la squadra è seconda a quota 34 punti in 16 partite, dista 4 punti dalla Juventus capolista (sconfitta poche settimane prima allo Juventus Stadium) ed ha battuto il Napoli di Mazzarri per 2-1. La giornata successiva l'avversaria è Lazio: la partita finisce 1-0 per i biancocelesti. Da quel momento la formazione interista perde la sua identità e conclude il campionato con la miseria di 54 punti: ovvero conquistando 20 punti dalla 17° alla 38° esima giornata, una media da squadra retrocessione.

Anno 2015-16. E' l'esempio più recente: Roberto Mancini ha allestito un Inter fisica, che concede poco ed è cinica sottoporta (viene infatti ricordata come la formazione degli "1-0"). Il 20 Dicembre 2015 arriva la Lazio, la squadra di Milano esce sconfitta per 1-2 con lite tra Felipe Melo e Milinkovic-Savic. Da quel momento, la solidità della squadra interista viene meno, e la squadra conclude il campionato al 4° posto tra mille rimpianti.

Questi esempi ci fanno capire due cose. La prima cosa è che l'Inter, per "tradizione", quando è il momento di tirare le somme (o di alzare l'asticella della propria stagione), va in una sorta di ansia da prestazione: questa cosa evidentemente accade in questo periodo, sia per la presenza della sosta, sia perché forse è proprio in questo momento che si inizia a fare discorsi progettuali (come ad esempio il Calciomercato di Gennaio). La seconda cosa è che, ogni qual volta, trovandosi nelle prime posizioni, riesce a superare questa fase indenne, la squadra conclude la stagione con una vittoria: peccato che negli ultimi 30 anni, sia successo solo le quattro occasioni dello Scudetto sul campo.

FC Internazionale Milano v Genoa CFC -
Fonte: l'autore Alessandro Gagliarducci

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.