E bravo Inzaghino, ora vinci anche in rimonta

L'Inter ha un avvio choc con la Fiorentina che parte a razzo e può colpire i nerazzurri a freddo. Poi, o bravura o esperienza dello scorso anno ecco i 3 punti

di Francesco Fiori
Francesco Fiori
(135 articoli pubblicati)

Dopo i primi 45 minuti del Franchi in pochi avrebbero creduto alla rimonta dell'Inter. Io per primo che considero Simone Inzaghi un buon allenatore che sta studiando all'università dell'Inter, la più complicata d'Italia. 

Buon allenatore, ma che ancora non ha il carisma del diavolo, inteso non come il Milan ma come stato d'animo che imprigiona i Mourinho, i Conte, i Ferguson, gli Allegri (almeno il primo, non minestra riscaldata) e che danno quel qualcosa in più a livello caratteriale, salvo poi spremere i giocatori fino allo sfinimento.

Bocciato su più fronti Edin Dzeko e subito a rimpiangere Lukaku, bocciato il Calha che sbaglia una punizione delle sue (e tutti a pensare al povero Christian Eriksen), bocciato un gioco dove sembrava la Viola con dei caccia sulle fasce e l'Inter con dei birilli.

Poi, ecco la magia, i cinque minuti che non ti aspetti e mentre il telecronista di Dazn (unica cosa azzeccata in un segnale ballerino) fa notare che la Fiorentina tende a subir troppi gol nei secondi 45 minuti ecco la Pazza Inter, due gol, rimonta e Dzeko in gol.

Benedetto Dzeko! Io l'avevo detto!

No, non è assolutamente vero, anzi già pregustavo una Samp bis con rimonta dei padroni di casa invece fa un assist d'oro anche Gagliardini, ed è tutto dire, con tre punti fondamentali soprattutto per un morale oggi stellare, dopo le stalle.

Ma cinque partite sono ancora troppo poche per avere un'esatta idea della forza di Inzaghi e della forza delle concorrenti. Anche Spalletti farebbe un figurone in un girone dantesco ma spesso la sua goccia trabocca prima di tutti gli altri e il capitano di turno le prende di conseguenza, vedi Totti, vedi Icardi e oggi Insigne.

La realtà è che in attesa di un rilancio juventino questa Serie A si apre ad un gran numero di concorrenti per lo scudetto, con Roma, Milan, Napoli e Lazio pronte allo sgambetto. Ovviamente all'Inter, oggi capolista e campione d'Italia.

Fonte: l'autore Francesco Fiori

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.