Inghilterra ferma al palo, la Scozia impatta 0-0 e continua a sperare

Il derby britannico porta in dote 0 gol e tanta noia. Inghilterra deludente e Scozia che avrebbe addirittura meritato l'intera posta in palio

di Stefano Boffa
Stefano Boffa
(215 articoli pubblicati)

Pari a reti bianche e poche emozioni. Termina sullo 0-0 il derby britannico di Wembley tra Inghilterra e Scozia, partita caratterizzata da ritmi lenti e poche occasioni da gol per entrambi gli schieramenti. Anzi, ciò che sorprende maggiormente è stato il fatto che la Tartan Army abbia fatto la partita in suolo inglese, gestendo i ritmi e il possesso palla. L'Inghilterra di Southgate ha palesato enormi limiti tattici e organizzativi, non riuscendo quasi mai a prendere in mano le redini del match e dimostrare la sua superiorità tecnica e tattica nei confronti di un avversario modesto, mettendo, così, a repentaglio il primato nel gruppo D. In più, il momento no di Kane e Foden, unito alla giornata storta incappata dai match winner della partitta con la Croazia Sterling e Phillips, hanno fatto palesare parecchi dubbi sul reale valore dell'organico inglese.

Diversi e significativi sono stati i cambiamenti adoperati dai due commissari tecnici rispetto all'esordio in vista di questa sentitissima partita: Southgate ha cambiato entrambi i terzini, Walker e Trippier, con James e Shaw, mentre Clarke ha rivoltato come un calzino la Scozia, facendo sedere in panchina Cooper, Hendry, Armstrong e Christie in favore di Hanley, Gilmour, McGregor e Adams. Come al solito, è l'Inghilterra a partire forte e, al 10', vicinissima al gol con lo stacco imperioso di Stones sul corner battuto da Mount, il quale, però, viene fermato dal palo a Marshall battuto. Al 12', è lo stesso Mount ad avere la palla del vantaggio inglese sull'assist di Sterling propiziato da un errore in fase di costruzione di McTominay, ma il fantasista del Chelsea, da pochi passi, manca clamorosamente il bersaglio. Esauritasi la furia inglese, la Scozia comincia a prendere in mano il controllo della partita e, al 29', manca il vantaggio a sorpresa con O'Donnell, il cui tiro al volo in diagonale sul cross di Tierney dalla sinistra viene ben respinto da Pickford.

Nella ripresa, la Nazionale dei Tre Leoni prova ancora a sfruttare i primi minuti per mettere alle corde l'avversario e sbloccare la partita, ma il tiro dalla distanza di Mount al 47' viene neutralizzato in corner da un attento Marshall. L'Inghilterra insiste e, al 54', ha ancora un'occasione importante con James su invito di un deludente Kane, ma la conclusione dal limite del laterale del Chelsea termina alta. Al 61', arriva la migliore chance per la Scozia per passare in vantaggio: corner di Robertson, sponda di Hanley e tiro a botta sicura di Dykes, che però viene salvato sulla linea da un attento James. Da qui in poi, la Scozia controlla pallone e partita, tenendo gli inglesi lontani dalla porta di Marshall fino al triplice fischio dell'arbitro Lahoz

Inghilterra sempre più deludente e brutta da vedere; Scozia che può ancora sperare nella qualificazione agli ottavi nel match da dentro o fuori con la Croazia.

Fonte: l'autore Stefano Boffa

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.