Gli uomini di provincia: Gigi Fresco

Ai più il nome di Gigi Fresco suona ignoto o poco conosciuto. Ma questo allenatore veronese entra di diritto tra le leggende del calcio italiano.

di Giulio Ferrarini
Giulio Ferrarini
(3 articoli pubblicati)
Gigi Fresco

Gigi Fresco da ormai 39 anni svolge il doppio compito di presidente e allenatore della Virtus Verona (terza squadra della città scaligera) ed è stato in grado di portarla dalla terza categoria fino in serie C dove milita attualmente. Lo chiamano il “Ferguson d'Italia”, lui che detiene il record come allenatore italiano che da più tempo siede sulla stessa panchina. Davanti a lui rimane solo Guy Roux storico allenatore dell'Auxerre dal 1961 al 2000 e ancora dal 2001 al 2005. 

Gigi da bambino inizia a giocare a calcio proprio con la colori rosso-blu della Virtus, poi crescendo, toglierà la maglietta da gioco e vestirà prima i panni di responsabile del settore giovanile e successivamente nel 1982 prenderà in mano la prima squadra per tentare un'insperata salvezza in seconda categoria che in ogni caso non arrivò. 
Ed è da questo momento che inizia la scalata. Dopo alcuni anni di militanza in tutte le categoria dilettantistiche italiane la Virtus sale per la prima volta tra i professionisti nel 2013, come ripescata, in quella che allora era la Lega Pro. Questa prima esperienza si concluse con un'immediata retrocessione in Serie D, anche a causa della riforma dei campionati. Ma grazie alla vittoria del campionato, proprio di Serie D, nella stagione 2017-2018 Fresco riuscì a riportare la squadra veronese nell'olimpo del calcio italiano. Grazie a questa impresa Verona è diventata un caso più unico che raro con ben 3 squadre che militano nei vari campionati professionistici grazie appunto alla Virtus, al Chievo e all'Hellas Verona. Alle quali si è aggiunta il Legnago Salus quest'anno (squadra con sede però nella provincia scaligera).

Lo stile e lo spirito della Virtus si scostano ampiamente da squadre blasonate come l'Hellas. Al Gavagnin – Nocini si respira un'aria quasi familiare in una squadra che è nata nel quartiere residenziale di Borgo Venezia. I cui tifosi si definiscono chiaramente antirazzisti, antifascisti e antiomofobi promuovendo l'inclusione in una città come Verona che purtroppo nel corso del tempo è stata luoghi di alcuni episodi di stampo razzista. Per dar prova di ciò la tifoseria è gemellata con il St. Pauli: sostenitori conosciuti in tutto il mondo grazie alle loro importanti battaglie sociali.

Oggi i risultati vanno molto bene e stanno premiando il lavoro di Mister Fresco e dei suoi ragazzi (tra i quali spicca Simone Bentivoglio ex giocatore di Serie A con le maglie di Chievo e Bari) che si trovano a metà classifica del girone B di Serie C. Giocano con il sogno e la speranza di arrivare, magari un giorno, a giocare un derby in Serie A. 

Fonte: l'autore Giulio Ferrarini

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.