It’s coming… Rome: l’Italia batte l’Inghilterra ed è campione

Shaw illude gli inglesi in avvio che vengono ripresi da Bonucci nel secondo tempo. Ai rigori, sarà decisivo Donnarumma

di Stefano Boffa
Stefano Boffa
(215 articoli pubblicati)

L'Italia è campione d'Europa! 53 anni dopo la finale di Roma vinta contro la Iugoslavia, gli Azzurri espugnano Wembley battendo l'Inghilterra per 3-2 ai calci di rigore dopo l'1-1 maturato in campo e salgono per la seconda volta nella loro storia sul tetto d'Europa. Mai l'Italia aveva vinto due gare di fila dal dischetto, ma quest'anno era destino che la coppa dovesse tornare a Roma, anche in virtù di quanto mostrato da questa bellissima Nazionale nel corso del torneo. L'Inghilterra è stata fin troppo speculare e arrogante, ma può comunque ritenersi soddisfatta per aver raggiunto la finale dell'Europeo per la prima volta in assoluto, anche se perdere in casa fa molto male. Il ct Southgate rischia di finire nell'occhio del ciclone per alcune scelte discutibili, tra cui gli ingressi tardivi di Sancho e Rashford per far tirar loro i rigori a freddo, la scelta di far tirare il rigore decisivo al giovanissimo Saka, il dentro-fuori inspiegabile di Henderson e una tattica troppo rinunciataria dopo aver trovato il vantaggio ad inizio partita. Fatto sta che, da quando lui è diventato la guida tecnica, l'Inghilterra ha giocato un Mondiale e un Europeo da vertice, cosa che non accadeva, rispettivamente, dai tempi di Italia '90 ed Euro '96.

Parlando della partita, Southgate ha dovuto fare a meno dell'infortunato Foden, ma ha preferito coprirsi ulteriormente sostituendo Saka con Trippier e arretrando Walker come terzo centrale di difesa; Mancini, invece, ha confermato in blocco l'11 che ha domato la Spagna. La partenza degli inglesi è folgorante e, già al 2', sbloccano la partita con la volée a fil di palo di Shaw, completamente dimenticato da Di Lorenzo, sul cross dalla destra di Trippier. 1-0 Inghilterra e ruggito di Wembley ad intimorire gli Azzurri. L'Inghilterra sembra in netto controllo, visto che l'Italia non riesce a far circolare il pallone come vuole e Barella e Immobile sembrano due corpi estranei. Un accenno di reazione da parte dell'Italia lo regala Chiesa al 35', il quale salta Rice a centrocampo e tenta il destro da fuori area che sfiora il palo alla sinistra di Pickford

Terminato il primo tempo sotto di 1 gol, l'Italia riparte con maggiore intraprendenza e ricomincia a macinare gioco come fatto vedere nel corso del torneo, dando incoraggianti segnali di risveglio. Al 51', Insigne non riesce ad inquadrare la porta con un calcio di punizione dal limite. Al 57', ancora Insigne pericoloso con un inserimento in area innescato da Chiesa, ma il suo tiro da posizione defilata viene ben respinto dal portiere inglese. Al 62', Chiesa si scatena con una grande azione personale che lo fa arrivare al tiro in area, ma la sua conclusione indirizzata all'angolino viene respinta da Pickford. Nel frattempo, Mancini inserisce Berardi e Cristante al posto di Immobile e Barella e la mossa si rivelerà azzeccata al 67', quando, sul corner battuto da Berardi, Cristante prolunga di testa sul secondo palo per Verratti, il cui colpo di testa viene respinto da Pickford con l'aiuto del palo, ma Bonucci si fa trovare pronto per la comoda ribattuta da due passi che vale il meritato 1-1. Al 73', Berardi ha la grande occasione per portare in vantaggio i suoi sul lancio in profondità di Bonucci, ma il suo tiro volante in allungo a tu per tu con Pickford termina sul fondo.  

Arrivati ai supplementari, sono state poche le azioni degne di nota: un tiro di Phillips al volo al 96' terminato di poco fuori; il tiro-cross di Emerson Palmieri al 102' sui cui ha messo la pezza Pickford e il calcio di punizione di Bernardeschi al 107' bloccato in due tempi da Pickford.

I rigori sono una montagna russa di emozioni: Kane risponde a Berardi; Pickford respinge il tiro di Belotti e Maguire firma il sorpasso inglese; Bonucci riporta la serie in parità e Rashford centra il palo; Bernardeschi porta l'Italia avanti e Donnarumma la mantiene lì respingendo il rigore di Sancho; Jorginho fallisce il match-ball, ma Donnarumma ci mette la mano su Saka. Siamo campioni d'Europa

Fonte: l'autore Stefano Boffa

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.