Le 24 protagoniste di Euro 2020 (parte 4)

Focus sulle partecipanti alla massima rassegna continentale per nazioni

di Stefano Boffa
Stefano Boffa
(186 articoli pubblicati)

GRUPPO D

INGHILTERRA: La Nazionale dei Tre Leoni  è chiamata alla prova del nove. L'incredibile floridità dei vivai inglesi negli ultimi 3-4 anni ha regalato al ct Gareth Southgate una varietà di scelta come non la si vedeva da anni in Inghilterra. L'esplosione di talenti del calibro di Reece James, Foden, Sancho, Bellingham, Rashford, Mount, Saka e Rice hanno contribuito notevolmente a svecchiare la rosa e ad innalzare la competitività di una Nazionale che è solita perdere le proprie certezze arrivati al momento clou. In più, avere in dotazione campioni come Kane, Henderson, Sterling e Walker è un privilegio per qualunque squadra che cerca di puntare al titolo. Titolo che, tra l'altro, manca nella bacheca di Londra. La squadra concepita da Southgate sembra leggermente sbilanciata a centrocampo, mentre in difesa la coppia centrale Stones-Maguire, insieme al portiere Pickford, non sembrano dare le dovute certezze per poter affrontare avversari più livellati. Sorprende la mancata convocazione di Fikayo Tomori, reduce da 6 mesi più che ottimi al Milan, mentre gli infortuni di Alexander-Arnold e Joe Gomez hanno spalancato le porte della Nazionale a Ben White, promettente difensore centrale del Brighton finito nel mirino della Roma di José Mourinho. L'Inghilterra ha il dovere morale di provare a vincere la coppa, anche se, nella sua storia, non ha mai raggiunto la finale della competizione. Forse, con l'atto finale previsto a Wembley, la magia potrebbe avverarsi.

CROAZIA: Tempi di magra per i Vatreni. I fasti del secondo posto ai Mondiali di Russia 2018 sembrano già così lontani, eppure sono passati soltanto 3 anni dall'impresa sfiorata con la Francia. Delle ultime 28 partite giocate, gli uomini di Zlatko Dalic sono riusciti ad imporsi soltanto 12 volte. Cos'è cambiato in questo breve lasso di tempo? Innanzitutto, Mandzukic, Rakitic e Subasic hanno appeso la maglia a scacchi al chiodo, lasciando spazio a giocatori di talento come Livakovic, Pasalic e Brekalo. Luka Modric è ancora il punto di riferimento della squadra, ma a 36 anni diventa difficile mantenere alti gli standard in una competizione da 7 partite ravvicinate in tutto nel migliore dei casi. Perisic, Kovacic e Lovren saranno, quindi, maggiormente responsabilizzati nel far mantenere alta la guardia dei compagni. Le incognite sono legate alle condizioni fisiche di Vrsaljko che, pur vessato dagli infortuni, ha risposto presente alla chiamata, così come Petkovic e Orsic, attaccanti dalla carriera piuttosto modesta. Rebic, Brozovic e Kramaric dovranno essere più continui per poter contribuire alla causa. Non potrà essere da titolo, ma la Croazia può almeno ambire ai quarti di finale.

SCOZIA: Era da Francia '98 che gli scozzesi non approdavano alla fase finale di un torneo calcistico internazionale. Gli ultimi Europei giocati sono stati addirittura quelli del '96 in Inghilterra. Insomma, si parla di almeno 23 anni di fallimenti e cadute rovinose, prima di vincere i playoff di Nations League contro Israele e Serbia che sono valsi la qualificazione ad Euro 2020. Il ct Steve Clarke non può puntare su grandissimi nomi, se non quelli di Robertson, Tierney, McTominay e McGinn. Per il resto, si ha a che fare con una squadra tecnicamente povera, ma che fa della grinta e del cuore le sue armi principali. Passare il turno potrebbe essere il massimo della soddisfazione per la Tartan Army, soprattutto nel girone con i cugini inglesi.

REPUBBLICA CECA: Lontani i fasti di Nedved, Poborsky, Cech e Jankulovski, la Repubblica Ceca si presenta ai nastri di partenza come una delle selezioni più povere di talento del torneo. Certo, giocatori di comprovata validità non mancano come Schick, Jankto, Barak, Kral, Soucek e Coufal, ma per il resto il ct Silhavy ha a che fare con del materiale umano modesto. Riuscire a superare lo scoglio dei gironi avrebbe il sapore del miracolo, anche se la presenza della Scozia potrebbe almeno far sperare i cechi nel ripescaggio riservato alle terze classificate.

Fonte: l'autore Stefano Boffa

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.