Cristiano Ronaldo sì o Cristiano Ronaldo no ?

Il Portoghese con una doppietta ribalta l'Udinese, ma è davvero oro tutto quello che brilla ?

di Corrado Parisi
Corrado Parisi
(4 articoli pubblicati)

Troppo spesso in questa stagione il gioco juventino è stato caratterizzato da un possesso palla sterile, senza un centrocampo di livello in grado di supportare ed innescare al meglio l'attacco bianconero. Non è però l unico problema, infatti, l altro grande difetto riscontrato durante l'annata, ripresentatosi puntualmente ad Udine, è l'attenzione; il goal dell'Udinese è quello che può essere definito il goal-esempio dell'intera stagione: momenti della partita e sortite offensive avversarie innocue che a causa di distrazioni si trasformano in goal subiti. Se i campionati e le coppe si vincono attraverso i dettagli, di certo questo non è uno di quelli da trascurare. Il carattere, la voglia e la cattiveria agonistica che da sempre hanno contraddistinto la compagine bianconera, quella del "vincere non è importante, è l'unica cosa che conta" o  quella del celebre motto "fino alla fine" tanto per intenderci, sono venuti decisamente a mancare in questa stagione. I giocatori in primis, non sono stati in grado di dare quanto avrebbero dovuto e troppo spesso la colpa è stata attribuita al solo Andrea Pirlo, esordiente è vero, ma che nulla può fare se non supportato adeguatamente dalla società.

Strano da dirsi, ma il blocco nella crescita avuto dalla Juventus, deriva proprio dall'acquisto di Cristiano Ronaldo nel Luglio 2018. E' vero che il Portoghese ha segnato novantanove reti e ventidue assist in appena centoventinove presenze, ma è altrettanto vero che tutto ciò non è stato sufficiente per i bianconeri per fare il salto di qualità sperato e vincere la tanto sognata Champions League, rappresentando di fatto un fallimento per una società che ha investito forse più di quello che realmente avrebbe potuto su CR7:  oltre al suo elevatissimo ingaggio, pari a trentuno milioni, c'è stato un adeguamento degli ingaggi di tutti gli altri giocatori della rosa, aumentati di 2-3 milioni ciascuno.  Da questi sacrifici, infatti, deriva il totale cambio di strategie mercato per la Juventus che in prima battuta ha dovuto progressivamente diminuire la qualità del centrocampo, affidandosi al parametro zero, talvolta decisamente troppo oneroso: i soli Ramsey e Rabiot pesano infatti ben quattordici milioni nelle casse bianconere e non hanno sicuramente soddisfatto le aspettative. 

A prescindere da come andrà a finire la stagione bianconera, la domanda che società, tifosi e addetti ai lavori si faranno è sempre la stessa: Cristiano Ronaldo sì o Cristiano Ronaldo no ?

Fonte: l'autore Corrado Parisi

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.