Coppe europee: emozioni e imprese [II]

Riviviamo alcuni dei momenti più esaltanti della storia delle coppe europee di calcio

di Marco Fiammetta
Marco Fiammetta
(86 articoli pubblicati)
UEFA Champions League

Le coppe europee di calcio emozionano ogni anno milioni di appassionati affascinati da imprese apparentemente impossibili e momenti indimenticabili. Abbiamo iniziato un viaggio nel tempo rivivendo le stagioni in cui almeno tre squadre connazionali siano riuscite a raggiungere le semifinali di Coppa UEFA ed Europa League. Proseguiamo il nostro viaggio ricordando alcune stagioni di Champions League.

Nel 2000 giunsero in semifinale tre squadre spagnole: il Real Madrid e il Valencia si affrontarono in finale, mentre il Barcellona si fermò al turno precedente.

Allo stadio Saint Denis le merengues si imposero nettamente grazie alle reti di  Morientes (39’), McManaman (67’) e Raul (75’). In quella stagione la Liga venne vinta per la prima volta dal Deportivo La Coruna che concluse il campionato davanti alla coppia Barcellona-Valencia. I tifosi dell'Espanyol di Barcellona, invece, gioirono per la conquista della Coppa del Re vinta contro l'Atletico Madrid.

L'edizione 2002/03 della Champions League vide mettersi in mostra le squadre italiane. Milan, Juventus e Inter (eliminata in semifinale dai rossoneri dopo due pareggi) riuscirono ad arrivare alla fase decisiva della competizione.

All'Old Trafford una sfida senza reti venne decisa ai calci di rigore: la coppa dalle grandi orecchie venne alzata al cielo di Manchester dal capitano rossonero Paolo Maldini. Al termine di quella stagione la Juventus conquistò lo scudetto concludendo il campionato di Serie A davanti ai nerazzurri, mentre il Milan vinse anche la Coppa Italia sconfiggendo la Roma nella doppia finale.

Nel 2008 furono invece le squadre inglesi a riuscire a occupare tre posti nelle semifinali della Champions League. Il Manchester United e il Chelsea diedero vita alla sfida decisiva, mentre il Liverpool si fermò in semifinale.

Allo stadio Nazionale Luzniki di Mosca le due finaliste chiusero i tempi regolamentari in parità. Dopo il vantaggio dello United firmato da Cristiano Ronaldo (al 26'), i blues raggiunsero il pareggio sul finire del primo tempo per merito di Frank Lampard. Il risultato rimase inalterato fino alla fine dei supplementari e si resero necessari i calci di rigore. Dopo l'errore del terzo rigorista degli avversari (Ronaldo), il capitano del Chelsea, John Terry si presentò sul dischetto per calciare il quinto della sua squadra, quello decisivo, ma il numero 26 in maglia blu scivolò durante il tiro colpendo il palo! Alcuni minuti dopo il portiere olandese Edwin Van der Sar si oppose alla conclusione di Anelka per il trionfo dello United. Il Manchester concluse davanti al Chelsea anche in Premier League (per soli due punti), mentre la FA Cup venne vinta dal Portsmouth che vinse la finale contro il Cardiff City.

In quegli anni le squadre inglesi dimostrarono la propria competitività riuscendo spesso a essere protagoniste in Champions League. In altre due occasioni riuscirono a presentarsi in tre alle semifinali senza, però, riuscire a ripetere l'esito del 2008. L'anno precedente il Liverpool giunse fino alla finale di Atene, mentre United e Chelsea si fermarono alle semifinali: a conquistare la coppa, però, fu il Milan. Nel 2009, invece, il Manchester United venne sconfitto a Roma dal Barcellona, mentre Chelsea e Arsenal furono eliminate nelle semifinali.

(continua)

Fonte: l'autore Marco Fiammetta

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.