Coppa Italia: Lazio-Milan finisce ai rigori, i diavoli in finale

Il campo dopo 120' non ha saputo dare un vincitore, i rigori decisivi portano gli uomini di Gattuso in finale contro la Juventus (1-0 contro l'Atalanta)

di Matteo Milocco
Matteo Milocco
(21 articoli pubblicati)
SS Lazio v AC Milan - TIM Cup

Si affrontano allo stadio Olimpico la squadra che ha segnato più reti (Lazio), contro quella che ha realizzato 12 risultati utili consecutivi (Milan). I ragazzi di Gattuso non conoscono sconfitta in questo 2018, il mister è riuscito a creare una squadra molto cinica, mentre la Lazio ha segnato veramente tanto in questa stagione. Immobile contro Cutrone, i due ragazzi che stanno dimostrando di avere stoffa e talento per fare grandi cose. Il bilancio in Coppia Italia tra le due squadre è di otto successi dei rossoneri, rispetto ai sette biancocelesti: completano due pareggi, uno dei quali nella gara di andata. Infatti, l'andata di semifinale tra Lazio e Milan era finita con un digiuno di gol da entrambe le squadre. Ieri, all'Olimpico, dopo 90 minuti stessa sorte con il punteggio inchiodato sullo 0-0.

Un punteggio "bugiardo" considerando i 21 tiri finali da parte della Lazio (6 nello specchio) e i 12 scoccati dal Milan (5 in porta). Una partita iniziata con ritmi molto alti, con entrambe le formazioni che hanno adottato un pressing alto non concedendo spazio in difesa. Al 6' c'è la vera prima occasione della Lazio con il colpo di testa di Ciro Immobile su cross di Lulic, sul quale Donnarumma la mette in angolo con un colpo di reni. Un inizio della Lazio travolgente, che solo 1 minuto più tardi impegna ancora il portiere rossonero che respinge con i piedi su occasione sul primo palo di Luis Alberto. Al 18' un errore di Rodriguez regala il pallone a Milinkovic facendo partire un tiro molto potente che termina di poco a lato del palo. Il Milan risponde immediatamente con Suso, sul quale Strakosha respinge, ma Cutrone intercetta la sfera colpendo il palo. L'azione comunque era ferma per fuorigioco.

Un primo tempo molto avvincente e bello da vedere, con la Lazio ben disposta in campo non lasciando un minimo spazio al Milan, il quale invece ingenua nel reparto difensivo con solo Romagnoli e Donnarumma che riescono a salvare il punteggio in diverse occasioni. Il secondo tempo segue le orme del precedente, ricco di emozioni da entrambe le parti. I rossoneri però, molto in affanno dall'ultima parte del secondo tempo, con la difesa che fa fatica a contenere i continui attacchi dei biancocelesti, soprattutto con le azioni di Milinkovic Savic e le imbucate di Immobile. Alla fine della seconda parte di gioco punteggio ancorato sullo 0-0. Sarebbe la seconda delle ultime tre semifinali del Milan a terminare ai supplementari; dall'altra parte la Lazio è dalla stagione 1960/1961 che non arriva ai supplementari in Coppa Italia.

Anche i due tempi supplementari non rivelano il secondo ed ultimo finalista, con gli attacchi dei rossoneri che non riescono a finalizzarsi, arrivando fino davanti all'area con Kalinic che è costretto a tornare indietro, perchè nessuno dei suoi compagni segue l'azione. Nota positiva per Kessie che ha speso tantissimo ieri sera, correndo chilometri all'interno del rettangolo di gioco. Solamente i calci di rigore hanno saputo rivelare il vincitore di questa semifinale interminabile. Calci di rigore che sono iniziati all'insegna di una nevicata, con Ciro Immobile ha calciare il primo pallone. I due portieri protagonisti, prima su parata di Rodriguez e Montolivo da parte di Strakosha, e poi su Milinkovic Savic e Leiva con un grande Donnarumma. Si arriva al calcio di rigore di Luiz Felipe, che calcia forte e centrale, palla che va oltre la traversa. Davanti al portiere biancoceleste arriva Romagnoli per il rigore decisivo che potrebbe portare il Milan in finale.

Uno scherzo del destino, proprio lui che è tifoso laziale da sempre. Ma non sbaglia, e porta i diavoli in finale contro la Juventus il 9 maggio all'Olimpico. Una notte infinita, ma che ha fatto vedere due squadre con cuore e passione. Partite come queste vogliamo vivere quotidianamente dal nostro calcio.

Fonte: l'autore Matteo Milocco

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.