Leggende del calcio: “El loco” visionario Marcelo Bielsa

Marcelo Bielsa pur non avendo vinto tanto ha lasciato il segno nella storia del calcio, ripercorriamo la sua originale carriera

di Gionatan Paglialonga
Gionatan Paglialonga
(38 articoli pubblicati)
Brentford v Leeds United - Sky Bet Champ

Marcelo Bielsa nasce a Rosario il 21 luglio 1955, mediocre difensore, si ritira nel 1980 a soli 25 anni per intraprendere la carriera di allenatore; inizia ad allenare le giovanili del Newell's Old Boys (squadra di Rosario di cui era stato anche giocatore) e grazie al suo grande intuito calcistico plasma futuri campioni come Sensini, Balbo e Batistuta.

Nel 1990 allena la prima squadra del Newell's adottando il rivoluzionario modulo tattico 3-3-1-3 (oppure la variante 3-3-3-1) caratterizzato da rapidi capovolgimenti di fronte, pressing esasperato e grande compattezza; il gioco di Bielsa era molto offensivo ma allo stesso tempo perfettamente organizzato, il tecnico argentino infatti, ossessionato dalla tattica, voleva che ogni movimento dei giocatori fosse sincronizzato e funzionale alla squadra, preparava maniacalmente ogni partita visionando video ed analizzando statistiche e caratteristiche di ogni giocatore.

Alla guida dei leprosos (soprannome della squadra di Rosario) Bielsa scrive la storia vincendo 2 campionati argentini e riuscendo ad arrivare fino alla finale della prestigiosa Coppa Libertadores esprimendo un calcio moderno, spettacolare ed entusiasmante, tanto che per queste grandi imprese il club di Rosario gli ha intitolato lo stadio; dopo essersi trasferito in Messico ed aver allenato l'Atlas e l'America, nel 1997 torna in Argentina e guida il Vélez alla vittoria del campionato.

Dopo una brevissima esperienza all'Espanyol nel 1998 gli viene affidata la panchina della nazionale Argentina, tante erano le aspettative riposte nell'allenatore che aveva rivoluzionato il calcio sudamericano, alla guida dell'albiceleste però Bielsa raccoglie risultati altalenanti: una eliminazione al primo turno al mondiale del 2002, un'amara sconfitta contro il Brasile in finale di Coppa America nel 2004 e la vittoria delle Olimpiadi di Atene sempre nello stesso anno; proprio dopo questo importante risultato però decide di dimettersi.

Nel 2007 riceve l'incarico di CT del Cile, l'argentino ottiene ottimi risultati vincendo 34 delle 66 partite disputate, diventando una leggenda del calcio cileno e ponendo le basi per i futuri successi della squadra.

Dopo varie esperienze europee all'Athletic Bilbao, al Marsiglia e al Lille nelle quali ha ottenuto quasi sempre buoni piazzamenti, Bielsa attualmente sta allenando in Premier League il Leeds United che ha portato lo scorso anno ad una importantissima promozione.

Pur non avendo vinto tanto il tecnico argentino si è contraddistinto per essere un personaggio sempre sopra le righe, ma soprattutto per aver cambiato il calcio con il suo innovativo gioco ed aver ispirato grandi allenatori come Pep Guardiola che lo ha definito il miglior allenatore della storia.

Il maestro di Guardiola: Marcelo Bielsa

La fonte dell'articolo è l'autore Gionatan Paglialonga

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.