Allegri, trascorriamo con Letizia la Festa… Di Natale

Letizia, difensore del Benevento, oltre ad essere stato uno dei protagonisti dell'ultima giornata di campionato, ci regala un'altra perla. A noi saper coglierla

di Sara Tombolato
Sara Tombolato
(8 articoli pubblicati)
Buon Natale

 E’ iniziata così, una mattina di fine luglio, la mia esperienza nel mondo del fantacalcio. Un simpatico collega mi invita a partecipare al torneo che ogni anno con tanta passione organizza. Non so cosa rispondergli ma il suo entusiasmo e la sua insistenza sono talmente penetranti che alla fine cedo. Ed eccomi, subito inserita nella chat di gruppo, ricca di spunti tecnici e di battute di spirito, che nel week end diventa incandescente. E così è stato anche nell’ultima giornata quando sabato alle 19.33 vedo comparire sul cellulare un messaggio che calamita la mia attenzione: “dopo il goal di Letizia, questa squadra ha deciso di ritirarsi da ogni competizione…”. Inizio a sorridere, non capendone il significato. Che avrà mai fatto questo difensore per turbare così tanto la serata del suo fantallenatore? Ipotizzo un autogoal, un’espulsione… E invece no, semplicemente l’autogoal se l’era fatto da solo, non schierandolo. Perché Letizia se ne stava beatamente seduto in panchina nella fantapartita, ma nella partita vera, quella che conta, il ragazzo aveva appena tolto alla Juventus la gioia di una vittoria e aperto tutta una serie di discussioni sull’opportunità o meno di non convocare Ronaldo da parte di Pirlo. E non era il solo a essersi strappato i capelli per la scelta fatta. Due giorni dopo, poco prima della partita Torino–Sampdoria un altro fantallenatore,  in evidente stato di agitazione, mi confida: “speriamo non giochi Ansaldi, così mi entra Letizia e ho risolto il problema”. Insomma, chissà quanto saranno fischiate le orecchie in questi giorni al terzino destro del Benevento; allenatori, fantallenatori, tifosi, giornalisti; tutti per una ragione o per un’altra a parlare di lui e della sua impresa. E poi diciamocelo, leggere e sentire parlare di LETIZIA in questo periodo dell’anno, mentre appaiono i primi timidi alberi di Natale e le prime luminarie, ci dona una sensazione di pace, una pace di cui tutti noi in questo ostico periodo abbiamo bisogno. E allora ho pensato di farmi un regalo, ovvero di ricordare qualche giocatore e qualche allenatore che non solo per le qualità tecniche o per il temperamento ci trasmette gioia, ma anche per il cognome che porta, che al solo sentirlo pronunciare evoca in noi sensazioni di benessere e positività. Ad esempio la coppia dell’Udinese LASAGNA... DI NATALE sarebbe stata una prelibatezza per palati sopraffini anche calcistici. Oppure il tandem dal passato juventino “ALLEGRI con BRIO” avrebbe orchestrato magistralmente qualsiasi formazione di massima serie. Non dimenticando che INGLESE qualora andasse allo Spezia avrebbe qualche difficoltà a comprendere il gioco made by ITALIANO. Insomma i cognomi  fantasiosi nel calcio italiano sicuramente non mancano; dal  classico DONADONI che ben si addice a questo periodo, all’augurante duello FESTA-SERENA che probabilmente sarebbe finito con un goal di testa dell’indimenticabile Aldo al singolare accostamento PASTORE-ADORANTE delizia del nostro campionato. Ma una cosa è certa: di tutti i CONSIGLI che vengono dati agli italiani per passare in sicurezza e serenità  le prossime festività, soprattutto uno è quello che farà più fatica ad accettare… “l’ultimo dell’anno a casa... IMMOBILE” (solo perché non si tratta di un invito a cena da Ciro!).

Fonte: l'autore Sara Tombolato

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.