Playoff NBA 2018, gli Warriors passeggiano 113-92 sugli Spurs

In Gara-1 non c’è storia: privi di Curry, i campioni in carica regolano i San Antonio Spurs, mettendo in cassaforte la vittoria già sul finire del terzo quarto.

di Andrea Petricca
Andrea Petricca
(54 articoli pubblicati)
Kevin Durant vs Spurs 14042018

Ai Golden State Warriors è stato sufficiente tornare a respirare il clima della post season per risvegliarsi dal periodo di torpore delle ultime settimane. In Gara-1 contro i San Antonio Spurs hanno dimostrato di essere anche quest’anno la squadra da battere: i campioni NBA in carica sono stati infatti impeccabili in entrambi i lati del campo, concedendo davvero poco in difesa e punendo i troppi errori commessi dagli Spurs.

Costretto a fare a meno di Stephen Curry, Steve Kerr decide di lanciare nel quintetto iniziale Andre Iguodala, schierandolo nel ruolo di point guard. A completare lo starting five ci sono Klay Thompson, Draymond Green, Kevin Durant e JaVale McGee, quest’ultimo preferito a Zaza Pachulia. Anche gli Spurs devono rinunciare al loro giocatore migliore, Kawhi Leonard, perciò Gregg Popovich decide di schierare un quintetto piccolo: Patrick Mills, DeJounte Murray, Danny Green, Kyle Anderson e LaMarcus Aldridge.

Entrambe le squadre partono con il freno a mano tirato, trovando i primi punti con i rispetti migliori realizzatori: Durant e Aldridge. Protagonista dei minuti iniziali è il giocatore meno atteso della serata, Javale McGee, che firma il primo allungo della serata degli Warriors. Gli Spurs provano a restare in partita con l’eterno Manu Ginobili che, entrando dalla panchina, prima subisce sfondamento e poi manda a bersaglio la tripla. Non solo in attacco, ma anche in difesa la stazza fisica di McGee si fa sentire eccome e Aldridge non riesce ad ingranare. Trascinati da Durant, gli Warriors chiudono il primo quarto 28-17, con gli Spurs che riescono a limitare i danni grazie al solito Ginobili che segna la bomba del -11 a fil di sirena.

Nel secondo quarto, Popovich si affida all’esperienza dei veterani Ginobili, Gasol e Parker per ridurre il gap, tuttavia i padroni di casa rispondono immediatamente con una tripla fantastica di Thompson che riporta il vantaggio vicino alla doppia cifra. Aldridge prova a caricarsi i suoi sulle spalle e con l’aiuto di Green riduce le distanze fino al -6, fino a quando gli Warriors decidono di spingere il pedale dell'acceleratore e vanno all'intervallo avanti di 16 punti, 57-41.

La ripresa comincia con Popovich che sostituisce Anderson con Rudy Gay, che ripaga la fiducia del coach con un paio di canestri di fila che riportano San Antonio sul -11. Dopo un breve blackout, la difesa degli Warriors torna quella di inizio partita, costringendo gli ospiti a percentuali bassissimi al tiro (40%). Mentre in attacco McGee tocca quota 15 punti e porta i suoi sul +19, prima dell’ennesimo centro di Durant che vale il +23 e chiude il terzo periodo 86-63 in favore di Golden State.

Di fronte ad un divario del genere, l’ultimo quarto diventa soltanto una formalità. Popovich manda in campo i comprimari e la stessa cosa la fa Kerr schierando Jordan Bell e Nick Young. I padroni di casa continuano a produrre il loro gioco, conservando un vantaggio sui 20 punti fino al termine della partita. Finisce 113-92 in favore dei Golden State Warriors, che conquistano meritatamente gara-1 e si portano 1-0 nella serie.

Un largo successo quello degli Warriors merito delle ottime prove di Klay Thompson, autore di 27 punti (11/13 dal campo), di Kevin Durant, 24 punti, 8 rimbalzi e 7 assist, e infine di McGee, 15 punti e tanto lavoro sporco su Aldridge. Tra le fila dei San Antonio Spurs a salvarsi sono solo Rudy Gay, che in uscita dalla panchina realizza 15 punti, e LaMarcus Aldridge, 14 punti (con un pessimo 5/12 dal campo).

Fonte: l'autore Andrea Petricca

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.