Serena Williams: La GOAT di nuovo al centro del tennis femminile

Dopo il parto l'americana è tornata alla ribalta, con due finali Slam perse, la controversia sull'outfit sfoggiato a Parigi e le polemiche agli US Open

di Lorenzo Ciotti
Lorenzo Ciotti
(179 articoli pubblicati)
2018 French Open - Day Five

Controversie, finali Slam, vittorie, sconfitte, polemiche e vignette vergognose. Serena Williams è di nuovo al centro dell'universo tennistico femminile. Ai box per un anno dopo aver vinto gli Australian open 2017, Serena ha affrontato tutti i problemi della maternità, diventando mamma di Alexis Olympia Ohanian Jr. lo scorso settembre. 

Si è ripresentata su un campo da tennis lo scorso febbraio, in Fed Cup, nel match di doppio insieme a sua sorella Venus. Gli alti e bassi primaverili e estivi sono culminati con l'inaspettata finale di Wimbledon, Con una forma precaria, Serena si è immolata fino all'ultimo round di Church Road, venendo piegata dalla superiorità fisica di Angelique Kerber.

Ma per la GOAT (Greatest of all time, ndr) la finale sull'erba londinese è da considerare un vero successo. A quasi 37 anni, dopo 314 giorni dal parto, eccola di nuovo a giocarsi uno Slam. Una super mamma che ha mostrato alle colleghe più giovani cosa significhi la parola carisma. La non brillantissima estate americana ha improvvisamente riproposto Serena come grande protagonista. 

Sia sul campo che fuori. La seconda finale Major consecutiva, davanti al proprio pubblico, persa con la sua giovane Emula Naomi Osaka. Poi le controversie sull'outfit indossato dall'americana al Roland Garros (una tuta nera stile Catwoman o Black Panther), che ha portato la direzione del torneo parigino a inserire un dress-code per le due settimane a Bois de Boulogne. 

Infine, durante la finale a New York, la sceneggiata da drama queen (giusta o sbagliata che fosse) con il giudice di sedia; la tensione del momento che ha smosso la USTA (federazione statunitense di tennis - ndr.) e la WTA a prendere le difese della 23 volte campionessa Slam. 

La vignetta del disegnatore australiano Mark Knight ha riaperto il dibattito su sessismo e razzismo nello sport. Un'orda di ragioni che hanno riportato Serena sotto la luce dei riflettori. Il tanto sognato record di Margaret Smith arriverà, se la crescita fisica della Williams continuerà anche nel 2019.

Fonte: l'autore Lorenzo Ciotti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.