Parigi-Roubaix, vince Sagan con l’attacco da lontano

Lo slovacco campione del mondo in carica conquista la sua prima Roubaix battendo in volata un grande Dillier

di Davide Manca
Davide Manca
(438 articoli pubblicati)
2016 Paris - Roubaix

Sagan si aggiudica la seconda classica monumento dopo il Fiandre 2016 vincendo anche la Roubaix 2018. Attacca a 54 km dall'arrivo, sfrutta l'affondo non riuscito di van Avermaet e prende tutti in contropiede. Lo slovacco riprende e stacca tutti, eccetto Dillier e Wallays.

I due collaborano, Wallays dopo un po' di chilometri non regge il passo e cede (chiuderà 14°). Dillier resiste, soffre e si rivela prezioso per il tre volte campione del mondo, riuscendo anche a dare cambi regolari a Sagan. Alle loro spalle, Terpstra-Van Avermaet-Stuyven-Vanmarcke non riescono a rientrare, restando tra il minuto e il minuto e mezzo di ritardo dal duo di testa.

Sagan e Dillier tengono il vantaggio fino al velodromo, dove lo slovacco, nettamente favorito, scalza uno stremato Dillier e vince la sua prima Roubaix. Lo svizzero chiude la Roubaix della vita al secondo posto, sul gradino più basso del podio Terpstra, che ne aveva di più rispetto ai tre belgi. Nono l'altro favorito di giornata, Stybar (5 volte su 6 nella top ten alla Parigi-Roubaix).

Con un'azione storica, Sagan interrompe la maledizione e vince anche l'Inferno del Nord.

Fonte: l'autore Davide Manca

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.