Oltre il pallone c’è di più – Parte 1

La storia di una stagione, di una squadra e di come si può essere tifosi e soffrire anche in altri sport

di Ilario Ianiri
Ilario Ianiri
(49 articoli pubblicati)
orizzonte

Buongiorno, per chi non mi conosce e non ha mai le letto un mio articolo mi presento: mi chiamo Ilario, ho 27 anni e sono appassionato di sport. In questa prima parte di articolo, prima di raccontarvi una storia, voglio spiegarvi che la parola "fede" collegata allo sport non esiste solo nel calcio. Alzi la mano chi non ha mai ricevuto un "sorrisino" quando è stato visto soffrire, sudare, piangere, urlare per una squadra di basket, pallanuoto... Ti guardano con quella faccia come a dire... Ma guarda questo. Già, perchè in Italia la parola tifo sembra essere concessa solo al calcio. Be' oggi voglio raccontarvi che non è cosi.

Agosto 2004, è una di quelle estati calde, talmente calde da farti stare fermo in casa, da ragazzino di 12 anni annoiato, guardo la tv e mi imbatto in una partita di pallanuoto femminile, un Italia-Usa semifinale delle Olimpiadi di Atene, più che sulla partita, i miei occhi si posano su una giocatrice, ha il numero 5, si chiama Tania Di Mario, e gioca nel ruolo di attaccante, avete presente il sorriso e gli occhi più belli del mondo? Ecco, lei ha tutto questo, inizio subito a cercare notizie su di lei, e scopro che gioca in una squadra di Catania, L'Orizzonte Catania, la squadra più titolata d'Europa, all'inizio l'approccio con l'Orizzonte era... Sì vedo lei e va bene così, poi però piano piano dentro me si è fatto strada il tifoso, quello che soffre, che suda, che impreca e ho capito che può essere calcio, basket, pallanuoto.

Il tifo è tifo punto, l'Orizzonte per me non è e non sarà mai una semplice squadra: è qualcosa di grande, di passionale, qualcosa che ti entra dentro e non esce più, ecco spiegare questo alle persone non è facile, spesso non capiscono, oppure fanno finta, solo io so l'emozione che provo quando entro in quella piscina e vedo quei costumi rossoblù, e poi l'emozione che provo quando vedo lei, ah un altra cosa, non è vero che quando conosci una persona famosa e la vedi dal vivo l'emozione svanisce: vedete, tifare una squadra di pallanuoto è come tifare una squadra di calcio, sì è proprio così. A volte però sembra tanto difficile da spiegare, per capirlo basta provare la passione e il sentimento che provo io, non vuole essere un insegnamento, perchè io non posso insegnare niente a nessuno, ma è solo per far capire che la fede sportiva non è solo calcistica.

Fonte: l'autore Ilario Ianiri

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.