Assembramenti folli e irresponsabili per celebrare Maradona

A Napoli e a Buenos Aires ci si è dimenticati del buon senso e delle regole: centinaia di migliaia di persone ammassate rischiano di causare una strage da covid

di Alan paul Panassiti
Alan paul Panassiti
(404 articoli pubblicati)
follia

Napoli è una città meravigliosa, incline alle contraddizioni come tutte le città più belle del sud. Una scoperta straordinaria quando ci metti piede per la prima volta, una conferma di bellezza ogni volta che ci ritorni.

Sono innamorato di Napoli: Partenope (la sua dea protettrice) aveva ben scelto il luogo migliore per dedicarle l'attenzione: era una sirena e decise, secondo la leggenda, di morire dove sorge oggi Castel dell'Ovo. A Piazza del Plebiscito, in via Chiaia e sul lungomare Caracciolo ho passato meravigliose serate estive e qualche, raro, pomeriggio piovoso d'inverno. Ancor oggi, quando scendo alla stazione Garibaldi, superato il mare infinito di taxi (abusivi e non) che fanno da tappeto alla sua porta di ingresso nella città, vado dal mio amico Marignano in via Castromediano a prendermi una mozzarella di bufala e a parlare con il proprietario di momenti intimi che riguardano le nostre famiglie.

E' un luogo straordinario Napoli, è la personificazione sotto forma di agglomerato urbano di una esperienza unica che nella vita va vissuta. La creatività, che spesso stride con la miseria, o allo stesso tempo è figlia della stessa sofferenza da cui è nata, la rende "milionaria".

Napoli è mille colori, come diceva uno dei suoi cantori più meravigliosi e talentuosi. E' il pianeta del caffè sospeso, di un abbraccio magari non necessario che spesso ti avvolge e che potrebbe soffocarti per troppo amore.

Buenos Aires è la stessa cosa, avvincente e divertente la notte, folle e miserabilmente sonnecchiante e cattiva di giorno, ma capace di clamorosi slanci di amore pure e vero. La passione, il suono di un tango spesso non richiesto, che si esaspera nel suo cliché di sogno, povertà e dramma.

Queste due città, e veniamo al punto, lontanissime geograficamente, sono state accomunate dal lutto dei lutti: la morte di Diego Armando Maradona!

E veniamo al punto dolente di questa storia d'amore che è passata alla fase eterna: il folle comportamento della gente!

Viviamo, in questo maledetto e funesto 2020, una tremenda pandemia. Al netto dei negazionismi folli e incomprensibili, figli della paura stessa che tende a mettere sempre lo sporco sotto il tappeto nella (vana) speranza di farla franca comunque, certi comportamenti sono inaccettabili.

L'evoluzione è decisamente inciampata per celebrare questo straordinario campione che a tutti noi mancherà! 

Ci si è dimenticati di tutte le norme di buon senso che dovrebbero fare la differenza tra noi (animali sociali e pensanti) e le bestie!

Amiamo aggregarci, stare insieme, cantare a squarciagola: ma in questo momento ogni deroga a un comportamento diverso da quello di cui abbiamo parlato potrebbe essere letale. In meridione la sanità non esiste, o comunque ha delle opzioni di valore molto limitate. Noi del sud lo sappiamo bene, e solo il pensare di andare in un ospedale per una banale visita ci mette sempre un po' di ansia.

A Napoli e in Argentina, per celebrare il campione scomparso, è andata in onda una inaccettabile pantomima. Ridicola, pericolosa e irrispettosa.

Un vecchio detto spiegava come ci si dovrebbe comportare in questi casi: per onorare i morti, bisogna pensare ai vivi!

"Il contagio della gioia": così parlo il sindaco di Napoli, De Magistris. La vittoria di Coppa Italia dei ragazzi di Gattuso sulla odiata Juventus, subito dopo il lockdown, fu per la città campana un momento di esaltazione. Che non causò danni, ma solo per un motivo: il virus circolava poco per le restrizioni e quasi per nulla al sud.

Adesso, che invece è ovunque, che ha colpito i nostri affetti più cari, fare quelli assembramenti folli è inaccettabile. Tra un mese ne vedremo le conseguenze funeste, stavolta non ci sarà indulgenza da parte del Sars Cov 2. E avrete davvero il coraggio di prendervela con un governo qualsiasi, quando la colpa è solo vostra?

Stiamo rinunciando tutti a moltissimo: la nostra libertà di vivere e lavorare è limitata da una tragica pandemia.

Se volete commemorare i morti, rispettate chi è rimasto in vita!

Maradona
Fonte: l'autore Alan paul Panassiti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.