Sara Brogiato, debutto con lode alla Maratona di Torino

L'eccellente terzo posto di Sara alla Maratona di Torino di tre settimane fa, ha ampliato il novero delle pretendi azzurre, in vista di Tokio 2020

di Giuseppe Di girolamo
Giuseppe Di girolamo
(102 articoli pubblicati)
Sara Brogiato

Ciao Sara, vorrei cominciare complimentandomi con te per il tuo ottimo debutto alla Maratona di Torino. Cosa ci puoi raccontare della tua gara?

Grazie mille. Immaginavo che sarebbe stata una bella esperienza, ma non avevo idea che lo sarebbe stata così tanto. Sicuramente anche il fatto di aver scelto la maratona di casa per il mio debutto, mi ha aiutata, ho avvertito tantissimo tifo e sostegno da parte del pubblico. Durante la gara ho provato bellissime sensazioni, temevo che una volta tagliato il traguardo non avrei voluto correrne un'altra, e invece è successo proprio il contrario! Ho pensato: "Ok, questa è la mia gara".

Mentre preparavi la maratona, la prospettiva dei 42,195 km, della lunga distanza, ti ha mai spaventata?

Sinceramenten no, non mi ha mai spaventata, volevo farla da molto tempo. Dentro la mia testa l'avevo già corsa un sacco di volte. Fin da piccola prediligevo le lunghe distanze, paradossalmente mi spaventa di più correre un 1500 mt. Certo, la domanda "arriverò alla fine?", me la sono posta molte volte, ma mai con timore.

Sulla maratona c'è una diceria: che ci si avvicina a questa distanza dopo i tren'anni, verso la fine della carriera. Tu e tanti altri state smentendo questo luogo comune

Questa forse è più una domanda per un allenatore, che per un atleta. Non voglio sembrare presuntuosa e arrogarmi il ruolo di tecnico, quale non sono, ma posso parlare per me, e io volevo correrla da tanto tempo, la sentivo dentro. Un anno fa è scattato qualcosa, ricordo perfettamente giorno e ora in cui ho preso la decisione di correre la mia prima maratona, benchè non sapessi se fosse la scelta giusta. Forse cominciare troppo giovani vuol dire bruciare le tappe, credo che l'età che va dai 26 ai 28 anni sia il giusto range per affacciarsi a questa distanza non troppo acerbi, ma neanche al tramonto della carriera.

A proposito di carriera, come giudichi la tua  di mezzofondista?

Non saprei darle un voto, dentro di me so che avrei potuto fare di più. Purtroppo, per una serie di motivi, tempi e risultati ottenuti non stati quelli che avrei voluto. Io penso che nell'atletica ci voglia l'80% della testa, e il 20% delle gambe, alcuni atleti l'hanno capito più in fretta, io ci ho messo un po' più tempo a impararlo. Inoltre la pista l'ho sempre patita tanto, prima di correre la maratona, la mia distanza preferita era la mezza maratona, quindi avevo già cominciato a prediligere il fondo. Oggi non mi sento una mezzofondista.

Pensiamo in grande: obiettivo Tokio 2020?

Credo che chiunque faccia sport ci pensi, la sera nel suo letto, prima di dormire. Così è anche per me, poi è chiaro che non vuol dire che ci sarò, ma sicuramente lavorerò per arrivarci.

Hai gare in programma prossimamente?

Attualmente no, mi sono riposata un po' dopo Torino, ora sto lavorando più che altro in palestra, la classica preparazione invernale. L' anno venturo farò i campionati italiani di cross, e poi una maratona in primavera, ma non so ancora quale.

Come ho chiesto a molte tue colleghe, la corsa sta diventando uno sport molto "al femminile", anche i risultati delle gare lo testimoniano. Secondo te perchè sempre più donne si avvicinano al podismo?

Cominciamo col dire che nella società odierna, tutto ciò che concerne il benessere e la salute è molto più sentito da tutti, e in particolare dalle donne. Basta vedere sui banchi dei supermercati, come sia veriegata e abbondante l'offerta di frutta e verdura. La corsa si sposa perfettamente con questa filosofia, è inevitabile che quasi tutti quelli che si avvicinano a questo sport lo facciano per perdere peso, per curare il proprio fisico e il proprio aspetto. Successivamente diventa una droga buona, una cosa di cui non riesci più a fare a meno. 

In chiusura, cosa ti piace fare nel tempo libero?

Tante cose: cucinare, specialmente i primi, leggere libri, soprattutto di filosofia orientale, il cinema, uscire con gli amici e la musica, anche se non sono una vera appassionata.

Sara Brogiato
Fonte: l'autore Giuseppe Di girolamo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.