L’ultima corsa di Maura Viceconte: i ricordi di chi l’ha conosciuta

Il mondo dell'atletica è in lutto per la tragica e improvvisa di Maura Viceconte, che si è tolta la vita domenica pomeriggio nel giardino di casa sua

di Giuseppe Di girolamo
Giuseppe Di girolamo
(102 articoli pubblicati)
Maura Viceconte

Mi trovavo a una conferenza stampa, nella giornata di lunedì, quando scorrendo velocemente le news sul cellulare, mi sono soffermato su una notizia che mi ha colpito allo stomaco come solo i cazzotti presi a tradimento sanno fare: trovata morta Maura Viceconte!

A quando è dato sapere, Maura che aveva alcuni anni fa sconfitto il cancro al seno, domenica pomeriggio è stata trovata dal suo compagno impiccata nel giardino di casa, da cui era uscita con l'intenzione di buttare i rifiuti. Inspiegabili al momento i motivi del gesto, sicuramente ci saranno delle indagini da parte degli inquirenti per capire cosa ha spinto la povera Maura a prendere una decisione così estrema, tragica e definitiva.

Avevo recentemente provato a contattarla per poterla intervistare, ma non ero ancora riuscito a parlare con lei, così per rendere onore a questa grande atleta provo a contattare alcune sue colleghe. La prima a cui penso è Franca Fiacconi, che avevo intervistato qualche settimana fa, e che mi aveva parlato del ritrovato rapporto con la Viceconte, dopo gli screzi del passato. Franca, comprensibilmente, mi confida di essere attualmente troppo turbata e sconvolta per rilasciare qualunque tipo di dichiarazione, ricorderà pubblicamente l'amica in seguito, promette.

Così mi rivolgo a Sara Brogiato, che aveva avuto modo di conoscerla, e la considerava un modello da seguire: "Maura è stata un esempio di determinazione e umiltà" - racconta - "Aveva una parola di incoraggiamento per tutti, ricordo che un giorno mi disse che chi non ha paura non è vivo, ma allo stesso tempo bisogna saper trasformare la paura nella benzina che alimenta la voglia di vincere, nello sport e nella vita. Porterò sempre nel mio cuore queste parole, lascerà un grande vuoto nell'atletica e più in generale nello sport".

Anche Valeria Straneo è scioccata da quello che è successo, e rivolge un pensiero alla collega scomparsa: "Non ho conosciuto bene Maura, comunque ricordo che la vidi per la prima volta ad una gara in Liguria, che lei naturalmente vinse. Eravamo intorno agli anni 2000, i suoi anni d'oro. La ammiravo moltissimo e quel giorno ebbi l'onore e il piacere di potermi complimentare con lei, non solo per la sua vittoria ma per la sua splendida carriera. Tredici anni dopo fu lei a complimentarsi con me per i miei risultati. Era una persona estremamente gentile, disponibile e sorridente. Sono profondamente scossa da quello che è successo, come donna, come madre e come atleta. Lascia davvero un grande vuoto".

Maura Viceconte, il volto gentile dell'atletica, una persona umile e perbene, che mancherà a tutti quelli che amano la corsa, ma che più in generale amano lo sport, nella sua espressione migliore, una vera campionessa di semplicità. 

Fonte: l'autore Giuseppe Di girolamo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.