Ieri 10 maggio si sarebbe dovuta giocare Atalanta-Milan, pensate se…

Il sogno che ho fatto non lasciava dubbi: 9 reti a 3 per la Dea sul povero diavolo rossonero, vendetta e' fatta!

di Luca Sala
Luca Sala
(227 articoli pubblicati)
Northern Italy Locks Down To Try Prevent

Ricordate l'unica  partita del nostro campionato di Serie A in cui alla fine si conto' la bellezza di 12 reti realizzate?

Tutti o quasi sapranno certamente a quale match riferirsi ossia Milan - Atalanta 9 a 3 del 15 ottobre 1972.

Il Milan di Rocco contro l'Atalanta di Corsini , nulla faceva presagire la quantita' industriale di segnature  alla terza di campionato con i padroni di casa reduci da una vittoria ed un pari mentre gli orobici tra amichevoli pre-campionato e le due giornate disputate mantenevano addirittura inviolata la porta difesa da Pianta da 7 turni.

Quello che non ti aspetti scaturisce essenzialmente dall'impostazione dei bergamaschi che inopinatamente non metteranno un "mastino marcatore" tipo Carelli a contenere Gianni Rivera , la luce rossonera che difatti determinera' da ogni palla recuperata  a centrocampo un'azione gol  nonostante  i 9 impotenti difensori schierati guidati da un improbabile libero .

Il tabellone del vecchio e caro  San Siro riportava il seguente score che lo riempiva a dismisura:

nella colonna rossonera di sinistra rispettivamente 3 Prati,2  Bigon e Rivera,1 Chiarugi e Benetti, insomma mancava solo il portiere, mentre i marcatori neroblu di destra furono Divina,Ghio e Carelli.

Ecco perche' per dimenticare mi son messo a sognare addirittura l'impresa di ieri, venuta dopo il 5 a 0 ,quello vero pero' della vigilia dell'ultimo natale quando un'incontenibile e bellissima Atalanta le suono' di santa ragione ai milanisti mai in partita.

In fondo ,mi si consenta, come amava ripetere proprio Berlusconi, se c'era un'occasione  di strapazzare il Milan anche in casa sua  questa si presentava proprio come l'ho vissuta io.  Ecco com'e' andata: Ibrahimovic apriva le danze cogliendo impreparata come spesso le accade la retroguardia nerazzurra gia' al quarto d'ora, lasciando presagire una domenica assolutamente favorevole, propiziando poco dopo il raddoppio dell'ex Bonaventura . Le due sberle servivano alla Dea a rompere definitivamente gli indugi con l'ennesimo gol di Gosens in contropiede. Hateboer, l'olandesone volante imbeccava poi da destra Zapata per l'inzuccata del 2 a 2 con cui si chiudeva il primo tempo.

Il maremoto neroblu cominciava con l'avvio della ripresa a farsi incontenibile per un diavolo apparso fragile e impotente dinnanzi all'armonia dello spietato uno-due  sortito  dai magnifici piedi di Josip Ilicic che poco dopo servivano lo splendido assist con cui il Papu Gomez finora in ombra timbrava il cartellino della quinta segnatura di tacco.

Troppa grazia che non accennava ad esaurirsi nonostante la sforbiciata dello svedesone Ibra riavvicinasse per un attimo i suoi  col parziale arrivato al 5 a 3 , momentanea tregua armata per il finalone dettato dalle mosse al solito azzeccate del Gasp che innestando  i Primavera Colley e Cortinovis  vedeva i suoi eroi calare il poker con una rete a testa del duo baby e le due rasoiate da fuori area di Freuler e Malinowski per il 9 a 3 stavolta pero'  a parti invertite!

Al momento dei festeggiamenti di noi supporters al solito calati in massa come in Champions guidati dallo scatenato presidente Antonio Percassi  a sancire l'ennesima impresa direttamente allo stadio Meazza  ecco che il  mio personalissimo sogno  divenuto collettivo si trasformava d'incanto nell'Incubo Covid-19 del campionato sospeso chissa' fino a quando facendomi sobbalzare nel letto .

Addio  sogni di gloria,  ma e' stato comunque bellissimo e ,forse, solamente rimandato...

Fonte: l'autore Luca Sala

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.