Motocross, Kiara Fontanesi 6 unika!

Nella WMX conquista il titolo per la sesta volta, come nessuna mai. La sua giovane storia già potrebbe diventare un film e il futuro è ancora da scrivere

di Marco Michelli
Marco Michelli
(51 articoli pubblicati)
kiara fontanesi celebra su instagram il

Guardando le pagine di GazzettaFanPage mi sono accordo che manca almeno un articolo. Certo, sono tantissime, troppe le attività sportive e i campioni a cui rendere omaggio, ma una più degli altri meritava qualcosa di più di un trafiletto sulla Gazzetta dello Sport di lunedi scorso a pagina 40, a margine della Formula 1: parliamo di Kiara Fontanesi che conquista il titolo di campione mondiale del motocross femminile.

Per la parmense si tratta del sesto titolo iridato nelle WMX: in sella alla Yamaha del team MX Fonta Racing la ragazza di Pontetaro ha vinto gara2 del gran premio di d’Italia, dopo aver ottenuto il secondo posto nella prima manche. 

A Kiara, sullo sterrato di Imola nell’ultima gara della stagione, bastava fare un piazzamento marcando la sua unica avversaria per il titolo l’olandese Nancy Van de Ven. Ma l’indomito spirito di questa regina di appena 24 anni l’ha portata a correre per vincere. E così è stato “Quando corro sono soddisfatta solo se do il 100% di me stessa. Prima della partenza ai ragazzi del mio team ho detto di non parlarmi del campionato perché tanto non li avrei ascoltati” ha detto Kiara, perché vincere in casa non ha prezzo. 

Del resto Kiara non è nuova alle imprese all’ultimo respiro, visto che già lo scorso anno aveva vinto proprio all’ultima gara. Come nella scorsa stagione anche quest’anno si è resa conto di aver ottenuto l’iride solamente dopo il traguardo: “Ad inizio stagione non sapevo nemmeno se avrei disputato il Mondiale visti i problemi fisici. E invece mi ritrovo a vincere davanti al pubblico di casa, un titolo in parte inaspettato e quindi ancora più speciale. Sono davvero orgogliosa”. 

C’è tutto nella storia recente di Kiara che meriterebbe di essere raccontato: ha imparato ad andare in moto prima che in bicicletta (come riportato nella sua biografia ufficiale) e fu amore a prima vista. Poi la gioventù vissuta guardando il suo idolo Valentino Rossi in tv, il suo modo di vivere da maschiaccio come dice lei che le fa “trascorrere la maggior parte del tempo sporca e vestita male” per la disperazione della mamma titolare di un centro estetico; l’amore finito male con Vinales e poi il legame prezioso e attuale con Scott Redding capace di regalare consigli di guida utili, semmai lei ne avesse bisogno. Perfino il cambio di nome all'anagrafe, da Chiara a Kiara, per dar seguito ai fan che sui social la chiamavano così... 

Poi in una ipotetica sceneggiatura andrebbero ricordati gli infortuni in serie, i tanti dubbi sulla stagione, le gare in MX2 contro i colleghi maschi fino all’uscita di scena dell'australiana Courtney Duncan quando guidava la classifica, che ha spianato la strada a Kiara. La chiave di volta della stagione è stata certamente la doppietta di Assen, dove non aveva mai vinto negli anni scorsi, che le ha permesso di portarsi al comando della classifica generale.

La Fontanesi ha certamente una testa dura, ossia quel tipo di determinazione che spinge un campione a andare ben oltre le proprie possibilità; ma ha anche un gran cuore e immediatamente ha dedicato il successo a Bryan Toccaceli, giovane crossista ricoverato a Montecatone a seguito di un infortunio e al quale ha fatto visita dopo la vittoria. “Questo sesto titolo è qualcosa di magico. Era come lo avevo sognato, sono al settimo cielo”. Buona festa, Kiara e, quando tornerai sulla terra, ti aspettiamo per continuare a vivere una nuova avventura. 6 grande!

https://www.gazzetta.it/Moto/3...

la Fontanesi in visita da Toccaceli dopo
Fonte: l'autore Marco Michelli

DI' LA TUA

2
2 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. Lu - 2 anni

    Una grande e quest’anno anche un pò fortunata. Comunque riuscirà ad ottenere risultati anche se decidesse di fare snow board cross invece che le moto

    1. mwm - 2 anni

      Questo è certo. Anche se spero che, al di là del sogno di cercare nuovi stimoli e cimentarsi in altre discipline sportive, che già lo scorso anno faceva pensare ad un ritiro dalle gare di WMX, Kiara punti ad emulare il suo idolo Valentino Rossi e il suo collega Cairoli.

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.