Ducati e Ferrari, due vincenti eccellenze italiane

Sono partite entrambe col piede giusto nel 2018 vincendo

di Piero Tansini
Piero Tansini
(248 articoli pubblicati)
Ducati e Ferrarilitalia dei motori vince

Ducati e Ferrari rappresentano da sempre l'Italia che con pochi mezzi vince battendo avversari agguerriti e con maggiori disponibilità finanziarie. Entrambe hanno la loro sede in una regione carica di tradizioni Motoristiche come lo è l'Emilia Romagna. Una a Bologna Borgo Panigale, l'altra a Maranello in provincia di Modena.

Entrambe le sedi sono meta di pellegrinaggio sportivo da parte di migliaia di tifosi che arrivano da tutte le parti per ammirare i bolidi ben conservati nelle sale dei musei vicini alle  fabbriche. La Ducati prima di vincere in MotoGP ha costruito la sua fama ed il suo palmares in Superbike. Primo titolo mondiale piloti vinto con Raymond Roche. Altri che su Ducati hanno costruito la leggenda sono stati Marco Lucchinelli a cui va il merito di aver convinto la dirigenza Ducati a cimentarsi in Superbike. Poi citiamo Fogarty e Troy Bayliss. In MotoGP arrivò in punta di piedi nei primi anni 2000 con Loris Capirossi.

il primo e per ora unico titolo Iridato in MotoGP lo vinse nel 2007 Casey Stoner che ancor oggi collauda le Ducati Desmo da corsa. Ora sta vincendo alla grande con Andrea Dovizioso sperando che sia l'anno buono dopo esserci andata vicina nel 2017.

La Ferrari fondata dal commendator Ferrari nacque come Scuderia che era una estrazione del reparto corse Alfa Romeo. A darle lustro tra i tanti c'è stato il mantovano Volante Tazio Nuvolari. Poi con la nascita del campionato Mondiale di Formula 1 la Ferrari è l'unico team ad aver partecipato a tutte le edizioni dal 1950 ad oggi. Dopo la morte del suo fondatore avvenuta il 14 agosto 1988 conobbe anni bui fino all'arrivo a Maranello di Michael Schumacher.

Con lui arrivarono anche Ross Brawn e Rory Byrne dando inizio ad un ciclo vincente. Con il ritiro di Michael Schumacher nel 2006 la Ferrari vinse il titolo l'anno successivo con Kimi Raikkonen.

Nel 2017 ci andò nuovamente vicino con Sebastian Vettel che lo contese fino alla fine a Lewis Hamilton. Quella mancata vittoria finale ha dato amaro in bocca a tutti a Maranello e nell'inverno 2017 si è mediato a lungo prima di deliberare la nuova monoposto cercando di avvicinarsi maggiormente alla Mercedes e a Melbourne 2018 si è vinto ma come lo è per la Ducati il Campionato è lungo e occorrerà lottare per vincere nuovamente ma il primo passo è stato fatto.

Fonte: l'autore Piero Tansini

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.