Buon compleanno Bayliss, la leggenda compie 49 anni e corre ancora

Troy Bayliss compie oggi 49 anni, ecco perché l'australiano è pilota d'altri tempi

di Francesco Fiori
Francesco Fiori
(32 articoli pubblicati)
Troy Bayliss

Quando corri a 49 anni contro piloti che possono essere tuoi figli o sei malato, o sei un pazzo o sei semplicemente Troy Bayliss, la leggenda di Taree.

Chi è Bayliss?

Troy Bayliss è il mito per antonomasia della Superbike. Uno che ha saputo raccogliere più che degnamente l'eredità di Carl Fogarty, diventato pilota quasi per caso, perché da giovane è un carrozziere. 
Il tarlo motoristico lo assilla sempre, si cimenta nei campionati australiani appena ne ha la possibilità economica, lotta e soffre, ma sopratutto si fa notare per un coraggio ai limiti del paranormale.

Esplode tardi, a 27 anni è un girovago tra wild card nella Superbike e nel campionato australiano della stessa categoria, conquistando l'attenzione della Ducati GSE nel 1998, con il titolo che arriva l'anno successivo grazie a 7 vittorie e 14 piazzamenti.

Nel 2000 è negli Usa per il campionato AMA Superbike quando dall'altra parte del mondo, a Phillip Island, Carl Fogarty subisce un gravissimo infortunio dopo aver colpito Robert Ulm causando al mito di Blackburn un ritiro anticipato a causa della frattura dell'omero del braccio sinistro.

Perso un mito, trovata una leggenda.

La Ducati Infostrada si ritrova priva degli occhi di ghiaccio del quattro volte campione del mondo. Chi prendere al posto di Fogarty? "Ma...ci sarebbe quel Bayliss..." dicono Tardozzi e Ciabatti, capi del team rosso, con Troy che viene immediatamente contattato per i due round di Sugo.

La voglia di strafare è troppa. Due cadute nelle prime curve spezzano i sogni dell'australiano che viene rispedito a correre in America. Bayliss "il sostituto" viene a sua volta sostituito da Luca Cadalora ma due prove anonime a Donington fanno cadere nella disperazione la squadra che con Foggy vinceva dappertutto. Si arriva a Monza, pista italiana da sempre speciale. Ritorna Troy Bayliss e sarà mito.

I tifosi della Ducati non sanno che quel 21 maggio cambierà per sempre la loro vita. Bayliss è quarto all'uscita dalla Parabolica, sul rettilineo monzese lo supera anche Haga, si lancia ad oltre 300 km/h e di botto accade l'impossibile, alla prima variante Troy passa da quinto a primo con una frenata, una mossa che di botto fa esplodere il circuito, l'erede di Fogarty si è presentato in tutta la sua splendida bellezza.

La gara si conclude per Bayliss al quarto posto ma quella folle manovra gli vale il contratto e l'amore del tifo. Per il primo trionfo basta attendere 15 giorni, Hockenheim e vittoria davanti a Noriuki Haga, la prima di 52 magie nella Superbike.

Da quel momento Bayliss stupirà sempre. Grinta, coraggio e una voglia matta di stupire saranno il timbro del cavallo pazzo australiano, uno che domina il campionato 2001 salendo 15 volte sul podio e dando vita l'anno successivo ad una stagione pazzesca culminata col duello memorabile con Colin Edwards a Imola.

Le sirene della MotoGp per l'esordiente Ducati sono fortissime ma la guida di Bayliss mal si adatta nella categoria e dopo l'approdo alla Honda nel 2005 per Troy si ritorna al vecchio amore.

La Ducati è reduce da una stagione dove soffre le rivali giapponesi ma non appena il numero 21 la cavalca è di nuovo follia e successo. Bayliss vince il mondiale e come premio gli viene data la possibilità di disputare il gran premio finale della MotoGp a Valencia. Vince anche quella. Nonostante non abbia mai provato le gomme Bridgestone.

Per capire il mito di Bayliss basta il gp di Donington nel 2007. Mignolo distrutto e discorso al dottore che lo opera: "Scusi, potrebbe amputare e far in fretta, io avrei gara 2 da disputare!"

Si ritira con una doppietta a Portimao nel 2008, da campione del mondo, contento del nuovo giocattolino, la 1098 f09 che gli viene concessa in anteprima rispetto al 2009.

Un giocattolino che Bayliss non lascerà mai, neanche oggi che compie 49 anni e che il suo numero 21 è ancora in pista, Superbike Australiana, con buona pace dei tanti giovani che Troy si lascia alle spalle.

Buon compleanno Troy. Buon compleanno Leggenda!

Fonte: l'autore Francesco Fiori

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.