Aprilia, si decide a metà novembre: Andrea Iannone ci sarà nel 2021?

A metà mese uscirà la sentenza del ricorso del pilota italiano. Aprilia aspetta e, in caso di squalifica inasprita, sonda il terreno per il sostituto

di Matteo Gaudieri
Matteo Gaudieri
(14 articoli pubblicati)
Andrea Iannone

Dopo un lungo viaggio, siamo arrivati (forse) alla conclusione del caso doping che vede coinvolto Andrea Iannone. Il pilota italiano risultò positivo al drostanolone il 3 novembre 2019 in Malesia, a causa di una sospetta contaminazione alimentare.

La FIM (Federazione Internazionale di Motociclismo), l'1 aprile 2020, ha inflitto 18 mesi di squalifica al pilota Aprilia, riconoscendo le colpe ma non il dolo e accettando, quindi, la tesi del cibo contaminato. In seguito a ciò, Iannone non s'è dato per vinto, formalizzando un ricorso al TAS  la cui sentenza è prevista per la metà del mese di novembre del 2020.

Contro di lui c'è la WADA (World Anti-Doping Agency) che, di fronte alla richiesta di annullamento della pena da parte del pilota, ha preteso che la squalifica di 18 mesi venisse inasprita fino a 4 anni.

Dopo ben 6 mesi dalla sentenza FIM, il 15 ottobre Iannone e i suoi legali si sono presentati davanti al tribunale di Losanna, portando come prova il test del capello, risultato negativo. Questa analisi ha chiarito come, nel tempo, il pilota si sia negativizzato al drostanolone, dimostrando quindi la contaminazione alimentare al momento della positività dell'anno precedente.

La WADA, però, nei propri protocolli prevede che gli atleti scrivano su dei registri o dei diari cosa mangiano, cosa che Iannone non fece. In più, non considerano attendibile il test del capello per contrastare ritrovamenti analitici avversi o atipici rinvenuti nelle urine o nel sangue.

Quindi o la va o la spacca: Andrea Iannone può sperare nella riduzione della pena da 18 a 12 mesi (scadenza quindi a dicembre 2020), oppure può incappare nell'inasprimento di essa fino a 4 anni, il che potrebbe significare il termine della sua carriera motociclistica.

Aprilia nel frattempo aspetta e, dopo un 2020 con Bradley Smith nel ruolo di sostituto del proprio pilota titolare, inizia a sondare il terreno in caso di sentenza negativa. Dopo aver accarezzato l'idea Andrea Dovizioso e aver corteggiato Cal Crutchlow, la scelta sembra invece ricadere su un improbabile ritorno, quello di Jorge Lorenzo.

L'ultima apparizione di Lorenzo su una MotoGP risale ai test di Portimao svolti a ottobre, in cui ha dimostrato parecchia ruggine visto il lungo stop forzato per mancanza di test con Yamaha. La pandemia ha cancellato il suo calendario di lavoro, che non è stato successivamente riaggiornato. La mancata sostituzione di Valentino Rossi nel Gran Premio d'Europa è stata una prova di come questo rapporto con la casa di Iwata sia destinato a terminare nel breve termine.

La proposta della sella titolare di Aprilia non è stata immediata, anzi: era nata come offerta per diventare tester, poi trasformata in seguito allo scemare della trattativa tra il team e Cal Crutchlow. "A Noale chiuderei un cerchio" dichiarò il pilota spagnolo qualche giorno fa, memore dei mondiali vinti in 250cc.

Ora la palla passa a lui. Una sua uscita dal ritiro del 2019 porterebbe in dote ad Aprilia un pilota con una incredibile sensibilità alla guida e che potrebbe indirizzare la strada dello sviluppo della moto di Noale, che è molto indietro rispetto a chi è entrata insieme a lei qualche anno fa (KTM ha già vinto una gara, Suzuki ha le mani sul mondiale piloti, costruttori e team).

Iannone aspetta e spera, Lorenzo ci pensa: due destini che avranno le loro risposte tra qualche giorno. 

Foto © Twitter | Aprilia

Andrea Iannone in gara
Fonte: l'autore Matteo Gaudieri

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.