16 maggio 2019 - 19:28

TERMINATA

Il calcio italiano del futuro avrà ancora le sue bandiere o è finita un’era?


Serie A

L’addio di Daniele De Rossi – e non poteva essere altrimenti – ha suscitato forti reazioni nel mondo Roma e non solo. Una bandiera, diciotto anni di carriera interamente dedicati alla maglia giallorossa, un rapporto con la città e i suoi tifosi indiscutibilmente forte e, adesso, il doloroso distacco. Improvviso ma non impronosticabile, tuttavia i tifosi giallorossi si sono scatenati contro la società, contestando le modalità –oltre che la scelta- con cui le strade tra l’erede di Totti e la Roma si sono separate.

De Rossi è solo l’ultima di una lunga serie di bandiere del calcio che sono state ammainate. Questo sport sta inevitabilmente cambiando e di bandiere, appunto, se ne vedono sempre meno.

Maldini, Zanetti, Del Piero, Buffon, Totti: negli ultimi dieci anni la Serie A ha perso le sue icone più illustri. Con l’addio di De Rossi il calcio italiano del futuro non avrà più bandiere? Oppure è solo questione di tempo e le nuove leve torneranno a simboleggiare  l’unicità del legame tra un calciatore e la propria maglia? Questa è la missione della settimana: dai pezzi pubblicati su Gazzetta Fan News sarà estratto il contenuto migliore, che verrà pubblicato sulla home page del sito Gazzetta.it.

A breve verrà proclamato il vincitore!

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.