Introduzione al GP di Monza: la F1 torna nel tempio della velocità

Domenica il Campionato mondiale di Formula 1 fa tappa a Monza, il tempio della velocità immerso nel bosco brianzolo

di Marco Coricelli
Marco Coricelli
(6 articoli pubblicati)
Locandina GP d39Italia

Ci siamo. La Formula 1 torna in Italia e precisamente su uno dei tracciati storici del Circus. Quest’anno ricorre la 90esima edizione del Gran Premio d’Italia, la maggior parte dei quali si è svolta proprio a Monza. Il tracciato è stato fondato nel 1921 ed è uno dei più antichi. Per questo si parla di Tempio della Velocità. Già proprio questo fattore è una caratteristica fondamentale di questa pista. Il tracciato è formato da 4 lunghi rettilinei dove le vetture superano senza problemi i 350 km/h. E’ stato teatro di alcune tra le più grandi innovazioni sportive e tecnologiche. La sua sopraelevata è unica al mondo e sulle sue curve sono state scritte non solo importanti pagine dell’automobilismo mondiale ma anche della ricerca scientifica.

Il tracciato di Monza è estremamente tecnico dove è fondamentale un ottimo setup meccanico e dove l'abilità del pilota in frenata è determinante, dal momento che alla fine dei lunghi rettilinei vi sono sempre frenate importanti. Come dopo il rettifilo dei box dove si passa da 350-360 km/h a 80 km/h in una frenata violentissima della durata di poco più di 2 secondi

Caratteristica poi è la Variante Ascari. Le monoposto moderne riescono ad affrontarla in pieno in 4-5 marcia arrivano dalla Sopraelevata Nord. E’ sempre uno spettacolo vedere le vetture transitare in quel punto. Come del resto alla Parabolica

Monza è un circuito speciale, della vecchia scuola. Il suo fascino è intramontabile e la folla di pubblico che si riversa in pista alla fine di ogni Gran Premio è qualcosa di unico che si può ammirare solo sul circuito brianzolo.

Una curiosità particolare: in questo tracciato Kimi Raikkonen, l’anno scorso ha stabilito il record del giro più veloce della storia della Formula 1 con una media di 263,587 km/h.

Ora non resta che lasciare la parola alla pista e a un video girato al simulatore per scoprire tutti i segreti di questo fantastico tracciato.

Fonte: l'autore Marco Coricelli

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.