Ferrari, il Mondiale ci manca molto

Troppi punti buttati al vento per errori di strategia o del pilota

di Piero Tansini
Piero Tansini
(248 articoli pubblicati)
Persi punti preziosi da Seb in Francia

Il fantasma di quanto successe nel 2017 a Singapore per la Ferrari incombe nella mia mente dopo i punti persi per un errore come onestamente ha ammesso Sebastian Vettel. Sono punti che in economia campionato pesano molto dato che Lewis Hamilton quando ha tra le mani una Mercedes stellare sbaglia difficilmente come dimostrato nel recente Gran Premio di Francia svoltosi al Paul Ricard.

Prossimo appuntamento sarà in Austria allo Spielberg e non si possono perdere altri punti dato che il Britannico è distante 14 punti e se va in fuga difficilmente Sebastian Vettel potrà riagguantarlo. Fortuna che al Paul Ricard in virtù classifica costruttori Kimi Raikkonen ci ha messo una pezza giungendo terzo dopo che era partito in sesta posizione.

Cresce bene, anzi benissimo, Charles Leclerc che con l'Alfa Romeo Sauber è giunto ancora a punti dopo essere partito ottavo. Le voci lo danno alla Ferrari nel 2019. Certo mi spiace per Antonio Giovinazzi che sta buttando via anni preziosi come semplice tester di Ferrari ed Alfa Romeo Sauber ma la sua occasione forse l'ha sprecata nei due Gran Premi corsi nel 2017 con l'allora Sauber motorizzata Ferrari

La non presenza del padre ai box sembra dare maggior tranquillità a Max Verstappen che al Paul Ricard ha terminato secondo dietro Hamilton. In vera crisi sembra essere Romain Grossjean che un tempo era in predicato di passare alla Ferrari dalla Haas ma nel 2018 non ha terminato a punti ancora una gara mentre sta sfruttando al meglio le caratteristiche della Haas- Ferrari il secondo pilota Magnussen.

Nel 2019 vedremo la Red Bull motorizzata Honda e se il motore Nipponico troverà l'affidabilità sarà un avversario temibile mentre dovrà cercare di migliorare la Mc Laren che nel 2018 non può addossare alla Renault le colpe velocistiche o di affidabilità come fece nel 2017 con la Honda. Che farà Fernando Alonso nel 2019? E' difficile anche per il campione Spagnolo dare una risposta ora. il dilemma è se rimanere in Formula 1 oppure andare in Formula Indy per tentare di agguantare la terza corona ad Indy 500. Grande delusione del 2018 è naturalmente la Williams che seppur potenziata dal Mercedes occupa sempre le posizioni di coda.

Renault e Force India devono ancora migliorare ma già sono in una posizione di metà classifica mentre la Toro Rosso d'ora in avanti dovrà portare avanti lo sviluppo del motore Honda per renderlo competitivo ed affidabile quando nel 2019 lo monterà la Red Bull. Allora chi vincerà il Mondiale piloti 2018? Io spero Sebastian Vettel ma la strada per raggiungere il suo quinto titolo iridato Seb se la dovrà sudare parecchio contro un avversario molto tosto come lo è Lewis Hamilton.

Fonte: l'autore Piero Tansini

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.