F1: Lawrence Stroll salva la Force India

Il padre di Lance rileva la scuderia di Mallya in guai finanziari. Mossa che rimescola le carte nel marcato piloti

di Edoardo Gori
Edoardo Gori
(115 articoli pubblicati)
In F1 dal 2008

Come un salvagente prima di annegare. La Force India, il team anglo-indiano che era da dieci anni sotto la guida di Vijay Mallya, si salva dallo spettro della messa in mora grazie all’acquisto di una cordata di imprenditori canadesi, capitanati da un uomo che in teoria doveva essere un rivale della scuderia: Lawrence Stroll. Infatti, il facoltoso uomo d’affari non è altro che il padre di Lance Stroll, pilota Williams da due stagioni.

La squadra dalle monoposto rosa, nonostante delle ottime annate sul piano dei risultati, era ormai a un passo dal collasso finanziario a causa dei guai giudiziari del proprio capo, tanto che Sergio Perez, dopo il Gran Premio d’Ungheria, aveva denunciato la situazione drammatica del proprio team intentando una causa. L’arrivo della cordata canadese, che oltre a Stroll vede al suo interno anche il fidato socio Silas Chou e altri nomi illustri come Andre Desmarais, è stato letteralmente una salvezza, anche se andrà irrimediabilmente a modificare gli assetti del mercato dei piloti.

Ovviamente sarebbe illogico pensare che Lance Stroll non raggiunga il padre nella scuderia su cui ha investito, mentre al suo fianco dovrebbe essere confermato un pilota d’esperienza come lo stesso Perez. Esteban Ocon, dopo la delusione Renault, rischia di perdere persino il sedile che tuttora ricopre e vede addirittura formarsi lo spettro di un anno sabbatico. L’unica chance per evitare questo scenario è sperare che la Mercedes approfondisca la partnership con la Williams, cosa molto probabile visto che sulle auto del team di Sir Frank verrà montato il cambio di derivazione tedesca dal 2019. Divenire una sorta di junior team ufficioso della Mercedes appare ormai l’unica possibilità solida per la Williams, visto che da gennaio non avrà più lo sponsor Martini e da adesso nemmeno l’aiuto economico di Stroll, che aveva puntato sullo storico team inglese per sviluppare la carriera agonistica del figlio. Ma coi risultati deludenti di questa stagione e con l’occasione di rilevare la maggioranza della Force India le idee in casa Stroll sono cambiate. Bene per il team che fino a qualche giorno fa era di Mallya. Male per Ocon e (almeno economicamente) per la Williams.

Fonte: l'autore Edoardo Gori

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.