La tripletta di Spartacus alle Strade Bianche

Ritorna la "classica d'Italia" Strade Bianche, la corsa che più avvicina l'Italia alle grandi classiche del nord ed ecco come Cancellara s'impose 3 volte

di Francesco Fiori
Francesco Fiori
(121 articoli pubblicati)
Cancellara

Il colpo di fulmine fu nella prima edizione delle Strade Bianche, anno 2007, un polverone che arrivava a Siena, in Piazza del Campo, dopo un mix tra strade bianche e asfaltate, proprio come piace al nord, tra Fiandre e Roubaix e che, nonostante la giovane età d'esordio affascina e non poco.

Il primo che ne resta estasiato è Fabian Cancellara, la locomotiva di Berna, che ogni inverno prenota Fiandre e Roubaix tra le classiche da vincere e ora si ritrova a due passi da casa un percorso fatto apposta per lui.

Spartacus, come è conosciuto Fabian, mette nel mirino le Strade Bianche nel 2008 e gli strappi sullo sterrato ne richiamano l'immensa classe e lo svizzero con i colori della Csc Saxo Bank vince per la prima volta a Siena arrivando insieme ad Alessandro Ballan (poi campione del mondo in quella stagione) e staccando di 15" Linus Gerdemann.

Per il bis Cancellara deve aspettare un pochino, nel 2012  è Van Avermaet a dare il via al pressing di Fabian, che apre il gas a 12 km dalla fine, nel settore Bottega Nuova, e da quel momento inizia un potente forcing che fa saltare in aria pian piano ogni avversario. 

L'ultimo chilometro all'interno di Siena vale una cartolina per il mondo intero per tanta bellezza, lo strappo finale ai 500 metri serve solo come passerella d'applausi per Cancellara che ormai ha un minuto di vantaggio sugli inseguitori, con dedica finale per lo zio scomparso di recente e podio completato da Iglinskij e Gatto.

Il tris garantirebbe a Cancellara la storia, con un settore del percorso a lui intitolato e questo premio arriva nel 2016, quando regolando Stybar e Brambilla vince le Strade Bianche  e si vede intitolato lo strappo di Monte Sante Marie, a 54 chilometri dal traguardo, distanza alla "Cancellara", dove Spartacus apriva il gas e non c'era possibilità di fermarlo.

Trek Factory Cycling Racing Team Launch
Fonte: l'autore Francesco Fiori

DI' LA TUA

3
3 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ilario - 8 mesi

    Peccato che il tempo passi inesorabile

  2. Ilario - 8 mesi

    Lui e Boonen il meglio delle Classiche del 2010

  3. Ilario - 8 mesi

    Grande Fabian

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.