WonderIbra regge l’attacco del Milan: gol e vittoria a Cagliari

Il Milan torna alla vittoria in campionato, Ibrahimovic torna al gol in rossonero. Ossigeno per la squadra di Pioli che ora deve trovare la sospirata continuità

di Giuseppe Di girolamo
Giuseppe Di girolamo
(120 articoli pubblicati)
AC Milan v US Lecce - Serie A

Con una buona prestazione in casa del Cagliari, campo tradizionalmente complicato fin dalla sua epoca d'oro, il Milan tira la testa fuori dall'acqua e prende una boccata di ossigeno, vincendo per due a zero. Intendiamoci, nulla di trascendentale a livello di gioco, ritmi non forsennati ma finalmente si è vista una squadra ordinata e una ottima copertura degli spazi, grazie al 4-4-2 con cui Pioli l'ha disposta in campo. Donnarumma non è mai stato chiamato a una parata degna di questo nome, se si esclude un rapido recupero su un pallonetto di Nandez, che voleva approfittare di una improvvida uscita del portiere milanista. Per il resto della partita zero patemi e zero sofferenza, di questi tempi in casa Milan è un evento.

Come dicevamo in precedenza la partita non è stata giocata a ritmi altissimi, questo probabilmente agevola il Milan, che comunque tiene bene il campo, coprendo efficacemente ogni zona del campo (ma il modulo a due punte non poteva essere adottato anche prima?) e comandando il gioco fin dai primi minuti. I gol vittoria sono stati realizzati da Leao e Ibrahimovic, entrambi molto positivi. Il portoghese si è mosso molto, sfiora il gol nel primo tempo su azione d'angolo e sblocca il risultato nel secondo, grazie a un tiro deviato che scavalca il portiere cagliaritano Olsen. Incredibilmente intelligente poi la partita di Ibrahimovic, che per forza di cose si muove molto meno (questo gli consente anche di restare in campo per tutta la partita) e principalmente negli ultimi venti metri, dove però continua a creare scompiglio: va vicino alla segnatura anche lui nella prima frazione, con un colpo di testa deviato prima dal portiere poi dal palo. Quindi realizza il gol del due a zero, con uno dei colpi migliori del suo repertorio, il diagonale di prima ad anticipare il suo marcatore. Realizza poi anche la terza rete, ma viene giustamente annullata per fuorigioco. Castillejo e Calhanoglu, che giocano da esterni di centrocampo, non propriamente il loro ruolo, giocano una partita volonterosa, però si potrebbero provare altre soluzioni sugli esterni, magari Bonaventura e Conti. Infine Piatek, Paquetà e Suso guardano la partita dalla panchina, senza essersi mai nemmeno scaldati. E almeno due di loro potrebbero partire già a gennaio.

Fonte: l'autore Giuseppe Di girolamo

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.