Una Serie A più emilianA che mai!

Bologna, Parma, Sassuolo e Spal si stanno preparando per l'inizio della prossima stagione

di Dario D'antoni
Dario D'antoni
(9 articoli pubblicati)
Pippo Inzaghi allo stadio DallAra

La prossima stagione di Serie A vedrà ai nastri di partenza quattro squadre provenienti dall'Emilia-Romagna, accomunate da un tifo caldo e da società stabili al loro timone. Elementi che non possono mancare per fare calcio ad alti livelli. Scopriamo quindi come si stanno preparando in vista del prossimo campionato, che si preannuncia ricco di derby.

  • Bologna

All'ombra delle Due Torri si è consumata la separazione tra il club felsineo e Roberto Donadoni. Il patron Joey Saputo ha deciso di affidare la panchina dei rossoblu a Filippo Inzaghi, che ha concluso il suo percorso a Venezia, portando il club della laguna alla semifinale playoff persa con il Palermo. La squadra, in ritiro a Pinzolo, sta lavorando intensamente per assimilare al meglio il passaggio al 352, vero e proprio diktat di Super Pippo. Il cambio modulo ha inciso particolarmente sulla rosa della squadra, che rispetto alla passata stagione non potrà più contare sul talento e sulla leadership di Simone Verdi, passato (questa volta per davvero!) al Napoli, autentico trascinatore con 10 gol in 34 presenze, numeri che gli sono valsi la convocazione in Nazionale. Oltre a lui sono partiti anche Di Francesco (nello scambio con il Sassuolo per Falcinelli), Mirante (scambio più conguaglio alla Roma per Skorupski, operazione che ha portato anche all'arrivo del difensore Calabresi alla corte di Inzaghi), Masina (Watford). La voce acquisti consta di molti nomi da scoprire, vedi i vari Paz, Svanberg, Santander, e sarà riempita molto probabilmente dall'esterno Andrea Rispoli, reduce da un'annata importante in B col Palermo. L'entusiasmo dei tifosi è palpabile e lo si evince dalla quota degli abbonamenti, che ha già superato 7000 sottoscrizioni.

  • Parma

L'incredibile scalata dalla D alla A in tre anni è un risultato che nessuna squadra mai era riuscita a centrare. Il merito di un risultato così roboante va diviso equamente tra la nuova proprietà, la Desports Group, guidata dall'imprenditore Jiang Lizhang, mister Roberto D'Aversa, e soprattutto l'ex capitano Alessandro Lucarelli, che raggiunto l'obiettivo di riportare il Parma in A, ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo.  Il ds Faggiano è alacremente al lavoro per allestire una squadra in grado di raggiungere la salvezza. Gli arrivi di Stulac, Dimarco, Biabiany, Sepe, Bruno Alves, Gobbi più i riscatti di Gagliolo, Ceravolo e Dezi hanno modificato la rosa dei crociati, che sta sudando sotto lo Stelvio. L'entusiasmo della città è però turbato dal Processo che il Tribunale Nazionale della Figc ha avviato per via degli sms inviati da Calaiò, ad un ex compagno dello Spezia, prima della partita tra le due compagini e per i quali la Procura chiede due punti di penalizzazione che, se confermati, vanificherebbero la promozione ottenuta sul campo.

  • Sassuolo

La salvezza non è valsa la riconferma a Beppe Iachini sulla panchina neroverde, dove a sedere sarà Roberto De Zerbi. Il mercato lo ha privato di due punti fermi dell'11 titolare, come Politano (ceduto all'Inter) ed il leader difensivo Acerbi (acquistato dalla Lazio). Ma il vero colpaccio è stato l'arrivo di Kevin Prince Boateng, rilanciatosi all'Eintracht Francoforte. Insieme a lui da segnalare l'arrivo di Djuricic, pupillo del neo-allenatore che lo ha avuto con sè a Benevento. Il compito di De Zerbi sarà quello di mostrare un gioco frizzante e rilanciare Domenico Berardi, chiamato al riscatto dopo un'annata non particolarmente brillante.

  • Spal

La banda del riconfermato Leonardo Semplici ripartirà dall'affetto della città di Ferrara e della curva Ovest che ha sostenuto e aiutato la squadra a mantenere la categoria, 49 anni dopo l'ultima volta in A. Gli addii di Grassi, Mattiello e Meret fanno parte di un percorso di crescita che ha visto la conferma in blocco degli eroi dell'ultima annata, che in quel di Tarvisio faticano per dare una nuova gioia ai propri sostenitori. Per farlo la società ha acquistato Milinkovic-Savic, Fares, Dickmann, Valori e riscattato Gomis, Viviani e Salamon.

Lo spettacolo della Ovest
Fonte: l'autore Dario D'antoni

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.