Una Nazionale per tre allenatori: gli scenari possibili

L'Italia che verrà: tre possibili alternative alla guida tecnica della Nazionale

di Michele Martines
Michele Martines
(1 articoli pubblicati)
Nazionale

Col campionato entrato nel vivo e l'imminente inizio della fase eliminatoria di Champions ed EL l'appassionato di calcio non ha certo tempo di pensare a una questione che fino solo a due mesi fa era sulla bocca di tutti. Ma tra 4 mesi quando tutte le coppe saranno state assegnate e l'élite del calcio starà prendendo un volo direzione Russia 2018, questa questione riemergerà facendoci ricordare come la mancata qualificazione al Mondiale sia stato un tsunami per il nostro calcio di proporzioni enormi e che dovrà portare a scelte importanti, prima fra tutte la scelta del C.t. che dovrà guidare la Nazionale a una difficile e sperata rinascita.  La lista dei candidati ogni giorno si allunga di nomi, ma questa analisi tenderà conto di possibili scenari alternativi secondo i tre nomi più papabili al momento, provando a immaginare sviluppi tecnici e caratteriali che una scelta di tale importanza può accompagnare.

1. Ritorno al Futuro con Antonio Conte. Il nome di Antonio Conte è tornato di moda negli ultimi tempi viste le difficoltà col Chelsea e il fatto che l'ultima esperienza positiva dell'Italia in una competizione presentava lui come condottiero. Riguardo alla solidità del gruppo e a livello di schemi Conte è un maestro come aveva dimostrato nella sua precedente esperienza alla Juventus e all'Europeo conclusosi con l'uscita ai rigori ai quarti contro la Germania, ma i dubbi di una nomina bis riguarda la gestione degli uomini che il Mister aveva compiuto nei due anni alla guida della Nazionale. I vari Giaccherini, Eder e Darmian erano ideali per il suo tipo di gioco ma questo andava a discapito della qualità generale della rosa tra cui erano già presenti Insigne ed El Shaarawy, due talenti del cui scarso impiego ha portato al fallimento e alla gogna pubblica il vituperato  ex c.t. Ventura.  L'Italia, non solo nel calcio, è un Paese che si basa molto sul risultato e poco sulla programmazione. La Nazionale di Conte era un prodotto che guardava al presente ma poco al futuro, creando un gruppo formato per lo più da trentenni e da bravi giocatori che svolgevano bene il loro compito in un sistema di gioco basato sulle loro caratteristiche. Se Conte riuscisse ad portare le sue doti motivazionali e tattiche in un gruppo giovane puntando più sulla qualità sarebbe sicuramente un gradito ritorno alla guida della Nazionale.

2. Due miracoli sono meglio di uno per Claudio Ranieri. Si può dire con certezza che uno dei più grandi miracoli sportivi degli ultimi anni sia stata la vittoria della Premier League del Leicester sotto la sapiente guida di Claudio Ranieri. Ranieri ha dalla sua spiccate qualità umane che riesce a trasmettere in positivo ai suoi giocatori, mentre ha pagato nel corso della sua carriera il fatto di essere un Gentleman, quindi troppo buono per un lavoro spietato come può essere quello dell'allenatore di calcio. Alla guida della Nazionale porterebbe tutta la sua esperienza e riuscirebbe a creare un rapporto quasi paterno con i suoi giocatori, tanto più che bisogna puntare su un gruppo di giovani. La nota negativa  forse sta proprio nella grande vittoria di Ranieri del campionato inglese, considerato da molti come un "miracolo". All'Italia Calcio non serve un miracolo, ma un progetto ambizioso e duraturo da portare avanti.

3. Il colpo di tacco di Roberto Mancini.  Anche da giocatore Roberto Mancini era un amante dei colpi ad effetto e della tecnica, caratteristiche che si è portato dietro nella sua nuova vita da allenatore. Mancini è un amante dei grandi giocatori, che non ha mai avuto difficoltà a farsi comprare dai suoi dirigenti nelle squadre che ha allenato. La Nazionale è un altro paio di maniche, ma Mancini saprebbe sicuramente selezionare e far convivere il maggior numero di talenti o presunti tali che forse sono stati accantonati o trascurati troppo in fretta. E poi, chi meglio di lui per dare un'altra possibilità al bad boy del calcio italiano per eccellenza, Mario Balotelli?

Fonte: l'autore Michele Martines

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.