UEL: analisi delle squadre dei maggiori campionati ai sedicesimi

Dopo le favorite e le outsider, analisi delle altre squadre approdate ai sedicesimi del secondo torneo più prestigioso d'Europa

di Davide Manca
Davide Manca
(438 articoli pubblicati)
Atalanta BC v Benevento Calcio - Serie A

Dopo favorite ed outsider di questa edizione, tra "i club di terza fascia", Atalanta, Real Sociedad, Nizza e Athletic Bilbao sono gli avversari più difficili per le «big» presenti in Europa League. Le formazioni basche arrivano da un momento altalenante in campionato. L'Athletic Bilbao ha nel difensore Laporte, nel centrocampista Beñat e negli attaccanti Iñaki Williams e Aduriz i suoi giocatori di maggior talento. Il Real Sociedad presenta Rulli tra i pali, Íñigo Martínez in difesa, un centrocampo formato dai due ex Real Canales e Illarramendi, dall'ex United Januzaj - prelevato in cambio di € 10 milioni - e dall'esperto Xabi Prieto e nel reparto offensivo da Vela - ancora a secco in Liga quest'anno - e da Willian José.

Il Nizza sta ritrovando la condizione e ha raggiunto i sedicesimi con tre vittorie e tre sconfitte nel gruppo della Lazio. Favre ha ottime pedine in ogni reparto, Dante in difesa, Sneijder a centrocampo e Pléa in attacco. Balotelli è già a 15 reti in stagione, 4 in Europa League. Gasperini sta guidando l'Atalanta bene in campionato e ancora meglio in Europa League: i bergamaschi hanno nell'Atleti Azzurri d'Italia il loro fortino, lì non perdono dal 20 agosto scorso (0-1 contro la Roma). Non c'è un unico giocatore di spicco nella Dea che, parafrasando Angelo Massimino, sembra sia riuscita ad «acquistare quell'Amalgama» che servirebbe a ogni squadra.

Quasi a fare da "comparse" in Europa League le altre dieci.

La Lokomotiv Mosca mantiene il primo posto in Russia: il tecnico Semin si affida a un 4-4-2 compatto che si basa sulla fantasia e sull'esplosività degli esterni Manuel Fernandes e Jefferson Farfán. Il CSKA può vantare una delle difese più «esperte» d'Europa: Vasin (c. 1988) si è ritagliato a fatica un posto da titolare nella difesa moscovita perché il trio Ignashevich-Berezutski-Berezutski è intoccabile. Gli altri simboli del club sono Akinfeev in porta e Dzagoev a centrocampo, mentre in attacco ci si affida al brasiliano Vitinho. Lo Spartak Mosca di Carrera Bocchetti tenterà di bissare la vittoria del campionato. La difesa va facilmente in difficoltà (ad Anfield lo si è visto) per questo il tecnico italiano si affida al 4-2-3-1, con Promes, Melgarejo e Samedov alle spalle di Luiz Adriano unica punta. Nell'organico di Carrera va tenuto d'occhio Pašalić, spesso decisivo a partita in corso.

Lo Sporting Braga è la squadra di minor caratura tra quelle passate al primo posto nel proprio raggruppamento: i portoghesi giocano un calcio offensivo grazie al quale sono al quarto posto in patria. Tuttavia il gioco non paga tantissimo con formazioni più esperte: Paulinho Fransérgio sono i giocatori da tenere maggiormente in considerazione. Lo Sporting Lisbona è caduto in casa solo col Barcellona in Champions (0-1). Nel club di Jorge Jesus sono presenti Rui Patricio, Fábio Coentrão dal Real Madrid, Mathieu dal Barça, Bruno Fernandes e Dost. Doumbia non è ancora entrato in condizione per risultare decisivo.

L'RB Salisburgo non perde dal lontano 27 agosto, ma stenta a decollare sia in campionato, dov'è 2° dietro lo Sturm Graz, sia in Europa, dov'è ancora imbattuto. Dopo l'operazione al ginocchio che l'ha tenuto fuori per tutta la stagione 2015/16, Leitgeb non rende più come in passato e tra i tanti mezzi flop, in avanti si salva solo Dabbur. Che però non può fare miracoli. Discorso simile per l'AEK Atene: i greci sono imbattuti in Europa League e non perdono da 11 match, in attacco si affidano a Livaja (flop tra Inter, Atalanta ed Empoli).

Il Celtic arriva dalla Champions e potrebbe creare problemi: in campionato in casa non perde dal 19 dicembre 2015, ha un buon organico formato dagli inglesi Roberts e Sinclair e dai francesi Ntcham (ex Genoa), Dembélé ed Édouard, classe 1998 di proprietà del PSG. Il Copenaghen supera il girone all'ultima giornata, ma non ha un'organico all'altezza né dell'Europa né del torneo daneseL'Östersunds si trova per caso in Europa: Ghoddos è il più talentuoso degli svedesi.

AC Milan v FC Crotone - Serie A
Fonte: l'autore Davide Manca

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.