«Ti ricordi davvero di me? O ti ricordi perché?»

Protagonista del racconto: Guti, ex centrocampista del Real Madrid

di Paolo Capano
Paolo Capano
(59 articoli pubblicati)
Real Madrid v Osasuna - La Liga

"Me llamo José María Gutiérrez, no Guti", ha chiesto di essere chiamato così l'attuale allenatore dell'Almeria. E non con il suo soprannome di calciatore. Ma che bel calciatore è stato Guti, elegante, abile a ricoprire tutti i ruoli del centrocampo, pur avendo la vocazione della mezzapunta. Fra le stelle dei galacticos, quella meno appariscente visto l'appeal maggiore dei suoi compagni. La sua provenienza dalla cantera del Real Madrid offre, però, quel quid di romanticismo.  Senz'altro uno dei più sottovalutati della sua era calcistica. Tanto che Wesley Sneijder, da raffinato intenditore di qualità tecnica qual è, in un'intervista rilasciata a Fox Sports NL, non ha dubbi su chi sia stato il suo collega più forte:

"Quando sono diventato titolare nel Real Madrid, Guti non mi ha parlato per tre mesi perché andava in panchina. Poi abbiamo iniziato a giocare insieme e avevamo un'intesa incredibile. Ci trovavamo anche senza guardarci. È un fenomeno, il più forte con cui abbia mai giocato. Mi ha fatto una grandissima impressione".

 
Fonte: l'autore Paolo Capano

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.