Succede al Banco di Serie A: vendesi punte home-made

Il trittico del calcio italiano si priva di Kean, Cutrone e Pinamonti

di Paolo Capano
Paolo Capano
(47 articoli pubblicati)
cutrone kean

Juventus, Milan e Inter rinunciano a tre  attaccanti italiani, cresciuti nei loro vivai. Potrebbe trattarsi di eccessiva bruschezza, imputabile ai fantomatici paletti imposti dal fair play finanziario. Oppure di una smania di successo immediato, presupponendo che sia raggiungibile attraverso calciatori belli e ben fatti. Non a caso il nome di Lukaku è accostato a Juventus e Inter.  Ancora, il comprensibile desiderio di ragazzi che vogliono giocare di più, unitosi alla necessità di monetizzare da parte dei club.

Moise Kean, offuscato dalla cospicua concorrenza, oltre che dalla preponderanza di Cristiano Ronaldo, se ne va in Premier League, sulla sponda blues del Merseyside. L'Everton gli garantisce un giusto palcoscenico per affermarsi ulteriormente. L'approdo del classe 2000 ai Toffees, per questo, può rappresentare il trampolino di lancio definitivo per la sua carriera. L'esperienza dello stesso Lukaku docet. 

Avventura in Premier anche per Patrick Cutrone, nuovo attaccante del Wolverhampton. Scelta curiosa, accettata con un pizzico di tristezza, visto il suo spasmodico attaccamento alla maglia del Milan testimoniato anche dall'affetto del tifo rossonero. Con Cutrone i Wolves avranno modo di applaudire le movenze di un centravanti opportunista sotto porta, che lotta sulle seconde palle, che vive sul filo del fuorigioco. La tenacia di Patrick si sposa bene con il calcio inglese. 

Di Andrea Pinamonti si è privata l’Inter. Il capitano e trascinatore dell'Under 20 all'ultimo mondiale sarà il centravanti del nuovo Genoa di Aurelio Andreazzoli. L'opportunità di fare il titolare in A è troppo ghiotta, così come l'offerta recapitata all'Inter.

Nel frattempo, il CT Mancini li monitorerà... Se rimpiangere o meno questi talenti, sarà il tabellino dei gol a stabilirlo. La Juve ha l'esempio di Immobile. Il Milan di Matri, Aubameyang, Paloschi o Petagna. L'Inter di Balotelli, Destro, Longo, Bonazzoli. Fate un po' voi a dire chi ci ha guadagnato... Tra un anno, saremo qui a parlare del giovane Sebastiano Esposito dell'Inter e di chissà quanti altri talenti emergenti che lasciano la squadra del proprio vivaio.

Fonte: l'autore Paolo Capano

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.