Spalletti e l’Inter che verrà secondo Bettino Calcaterra

Il noto opinionista nerazzurro, volto noto delle tv locali lombarde, parla a ruota libera riponendo grande fiducia sulla guida del profeta di Certaldo

di Alan paul Panassiti
Alan paul Panassiti
(39 articoli pubblicati)
ganassa

Conosco da qualche anno Bettino Calcaterra, opinionista e volto molto noto di    Telombardia, Antenna 3 e Top Calcio 24, interista nel Dna e molto informato, oltre che appassionato del mondo nerazzurro.

Il “triplete” è ormai vecchio di 8 anni, ma a Castellanza l’Inter Club è sempre più “Ganassa”. 

Presidente dell'Inter Club Ganassa di Castellanza dal 2008,   Bettino nasce a Palermo il 6 Maggio del 1972.Il  Lavoro  in banca e la fede nerazzurra caratterizzano da sempre le sue giornate. 

L'idea e l'occasione di parlare con lui della stagione che sta per cominciare era troppo ghiotta per farsela sfuggire.

L'ingresso a Telelombardia è avvenuto  nel luglio del 2013, i nerazzurri giocavano una amichevole precampionato ad Amburgo. 

Una annata, e una giornata molto calda quella in cui una responsabile del coordinamento degli Inter Club della provincia di   Varese, chiamò il presidente dei Ganassa per proporgli di fare per una volta l'opinionista.  "Da tifoso il calcio mi è sempre piaciuto", mi ha subito detto, "parlarne  con altri come se si fosse in una sorta di bar mi è sembrato carino...".

E ai telespettatori quel volto sempre sorridente, molto severo a volte con i propri colori ma anche responsabilmente imparziale quando si parlava delle altre squadre, è piaciuto.  E quell'unica volta è diventata invece la prima di tante...

"Concilio la passione del calcio solo quando finisco il mio lavoro in banca ": è il primo pensiero che viene fuori quando cominciamo a parlare.

Bettino Calcaterra ha seguito come tutti i Mondiali orfani degli azzurri: " L'esclusione dell'Italia è stato il coronamento di un periodo no del calcio italiano, non siamo riusciti a produrre giovani talenti, senza programmazione non si è creato e data  la possibilità ai giovani di emergere".  

Eppure l'Inter di cui è tifoso Bettino ha un settore giovanile molto organizzato e vincente ma: " ...Non si riesce a tirare fuori il campione da tutti questi giovani promettenti.  Tra la "Primavera" e la Serie A  c'è un  gap enorme che nonostante il lavoro certosino dei tecnici nerazzurri che sono di gran livello non ha prodotto quel fenomeno che, magari rivenduto bene o valorizzato come si dovrebbe avrebbe dato alla società dei benefici importanti sia tecnicamente che economicamente"

Il presidente dei Ganassa aggiunge: "Puoi essere un campioncino delle giovanili, ma poi non sfondare. La prova è che non c'è un giovane che ci pentiamo di avere ceduto, a memoria, negli ultimi anni che sia diventato un fuoriclasse da farci mangiar le mani per l'occasione persa"

"I giovani italiani costano tanto, solo squadre come Monaco e PSG potevano, rischiando, di permettersi di acquistare gente come Pellegri (30 milioni) o Verratti (14 milioni), e quindi si punta su altro. E il livello si abbassa".

Su Icardi, capitano e icona nerazzurra :  "Follia non convocarlo, Sampaoli ha assecondato i senatori escludendolo.  Bisogna metterlo al centro del progetto, e lui già lo è perchè è una certezza"!

Chi ha sorpreso più di tutti è: "Skriniar, enormi margini di miglioramento, un giocatore preso come riserva che poi messo alla prova e con un costante miglioramento giorno dopo giorno si è mostrato fenomenale sull'uomo e valore importante e imprescindibile".

Il valore aggiunto è Luciano Spalletti:  "Il profeta di Certaldo (come Calcaterra lo definisce) dalle  macerie ha costruito una Inter da Champions, ha creduto al progetto e ha instillato nei giocatori questo credo che ha portato alla rete qualificazione di Vecino a Roma quando nessuno ci sperava più."

Grande fiducia "nella proprietà è ben identificata in Cina che  ha messo persone serie a gestire un lavoro immane".

C'è rimpianto per la partenza di  Cancelo (che sarebbe rimasto ma il cui valore era giudicato troppo alto), ma con l'arrivo di Naingolaan sembra che sia  stato acquistato "quel giocatore che può decidere le gare con un tiro da fuori e delle incursioni dalla grande personalità"!

"Quest'anno ci divertiremo, le premesse ci sono tutte!" e noi ti crediamo Bettino.

Bettino Calcaterra
Fonte: l'autore Alan paul Panassiti

DI' LA TUA

1
1 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alan Paul Panassiti - 4 giorni

    Refuso: l’Inter club Ganassa nasce nel 2010, dopo il triplete di Mourinho. Mi scuso per l’inesattezza (l’autore)

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.