Serie D: a Lanusei le stelle non sono mai state così vicine

La capolista che non t'aspetti nel girone dell'Avellino rappresenta una comunità famosa per uno storico osservatorio astronomico

di Alan paul Panassiti
Alan paul Panassiti
(287 articoli pubblicati)
lanusei

Una comunità sarda di poco più di 5mila abitanti, famosa fin qui per la purezza del suo cielo tanto da vantare uno storico osservatorio astronomico, si esalta per le imprese dei biancorossoverdi, balzati in testa alla classifica di Serie D girone G. I ragazzi del Lanusei erano partiti per salvarsi, negli ultimi anni avevano ottenuto salvezze stentate e miracolose, oggi però il miracolo da non deve essere considerato più tale. E questo grazie a una "rete" di imprenditori ogliastrini, a una rosa giovanissima e alle scorribande dell'ivoriano Kovadio, vero uomo mercato promesso al Parma.

A Lanusei sognare è sempre stato più facile. Forse perché le stelle si vedono meglio: non a caso da queste parti ha sede uno dei più importanti osservatori astronomici pubblici d’Europa, anche per via della quasi totale assenza di inquinamento luminoso. La struttura è gestita da un gruppo di volontari ormai da decenni e, nel 1984, gli astronomi Walter Ferreri e Vincenzo Zappalà individuarono l'asteroide poi stato ribattezzato "6289 Lanusei", proprio in onore del piccolo comune dell'Ogliastra. Che oggi sogna non guardando al cielo, bensì ad un campo di calcio, il "Comunale Lixus": le stelle in questione riflettono la luce verde delle loro maglie.E hanno portato l'ASD Lanusei, realtà calcistica di un comune di appena 5mila e 400 abitanti, in cima alla classifica del gruppo G di Serie D, quello laziale-campano-sardo quello in cui concorrono "big" come Avellino, Latina e Torres. Sono una banda di giocatori giovanissimi, ragazzini terribili, come in molti li hanno definiti: 20,7 è la media età della rosa. Il giocatore "più anziano", si pensi, è il trequartista Mattia Floris, nato nel 1992. Per la prima volta dalla sua fondazione, il club ogliastrino comincia a pensare di varcare la soglia del professionismo.

Come in tanti altri posti della Sardegna, a Lanusei ci si sente lontani da tutto: non si è solo su un'isola, ma anche in cima a una strada tortuosa dai numerosi tornanti. Condizioni che acuiscono l'orgoglio per l'impresa sportiva di un club che da quest'anno ha saputo "fare rete", non solo a gonfiarla. Un presidente ambizioso e lungimirante, Daniele Arras che  definisce il Lanusei una "disturbatrice"  e un direttore sportivo - Gigi Abbate - con una lunga esperienze tra i professionisti tra le fila di Monza, Pro Patria e Renate. Fermo per qualche anno, è rientrato in pista la stagione scorsa tra le fila dei novaresi della Ro. Ce. (Romentinese Cerano), prima di prendere un aereo per la Sardegna. E, ovviamente, un allenatore entrato subito nel cuore di squadra, dirigenza e tifosi: Aldo Gardini, "romano de Roma", che con il suo 4-3-3 sta regalando punti e calcio pirotecnico.

Gardini, peraltro, sino all'anno scorso guidava il Trastevere, formazione che il Lanusei - a quota 44 punti - ha scavalcato in classifica proprio in quest'ultimo weekend (nel ventesimo turno), dopo la vittoria - la sesta consecutiva - per 2-0 contro la Torres, firmata dalle reti dei centrocampisti Pietro Ladu (il capitano) e Andrea Demontis (cresciuto nel Cagliari).Segno del fatto che al Lanusei segnano tutti: una cooperativa del gol, 31 in tutto: per trovare il primo marcatore del Lanusei nella classifica dei bomber, c'è da scorrere un po' prima di trovare Gabriele Bernardotto, classe 1997, ex Trastevere come mister Gardini. La difesa, però, guidata dal coriaceo centrale Andrea Congiu, è il fiore all'occhiello del Lanusei di Gardini: la seconda meno battuta del girone. 

Di chi si sentirà parlare sarà senz'altro il terzino ivoriano classe 1999 Yves Herman Kovadio. Arrivato in Sardegna, da migrante nella seconda parte del 2017, è stato notato nella partitella di un campetto dai procuratori Giambattista Alimonda e Fabio Pirisi: dopo un paio di mesi di prova, il 7 gennaio 2018, esattamente un anno fa, esordisce con il Lanusei, E lo fa talmente bene da farsi notare dal Parma  che a maggio lo acquistaA Lanusei le stelle non sono mai state così vicine.

Floris lanusei
Fonte: l'autore Alan paul Panassiti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.