Serie C: avvio posticipato o clamorosa sospensione

Dopo le sentenze di Como e Prato su chiuderanno i ripescaggi, Messina e Bari protagoniste solo della D

di Alan paul Panassiti
Alan paul Panassiti
(170 articoli pubblicati)
Italian Olympic Committee Presidential E

Il Consiglio direttivo della Lega Pro ha indetto un’assemblea il 22 agosto a Roma per decidere «se iniziare o meno il campionato 2018/19».

Per il momento il Consiglio ha deciso di posticipare l’inizio del campionato alla prima domenica di settembre. «Siamo in un clima di totale incertezza e precarietà nel calcio italiano, il quale ha l'esigenza che si convochi l’assemblea elettiva per dar vita ad una nuova governance che superi il regime commissariale per un governo della FIGC capace di traghettare verso una stagione di riforme non più rimandabile», fa sapere la Lega Pro in una nota seguita al Consiglio, svolto oggi a Firenze.
Il Consiglio - informa la LegaPro - ha preso atto dell’attuale situazione sulla base delle ammissioni decise dal commissario straordinario della Figc, Roberto Fabbricini, delle società Cavese, Imolese, e Juventus U23 al campionato di Serie C e ha altresì provveduto all’integrazione dei gironi A-B-C e alla sentenza del Tribunale federale nazionale che ha ritenuto ripescabili i club di Catania, Novara, Robur Siena e ha formulato l’ipotesi di formazione dei gironi. 
Tra gli altri temi all’ordine del giorno della prossima assemblea di Lega, le risorse a partire da quelle provenienti dai diritti tv della ex Legge Melandri e le norme relative alle licenze nazionali che salvaguardino la competizione sportiva: «Ci vuole un sistema di regole che consentano di dare certezza e di avere rispetto per chi investe nel calcio - fa sapere la Lega Pro nella nota - occorre avere risorse dai diritti Ttv della ex Melandri, in rispetto dei principi sanciti dalla legge, e una riforma dei campionati e di una 'sostenibilita» sostanziale e non di facciata o basata su semplici annunci propagandistici».

In attesa dei ricorsi di Como e Prato, con qualche speranza per i lariani e nessuna per i toscani, si sta per chiudere la lunga estate dei ripescaggi.

Nonostante sia a Messina che a Bari qualcuno sostenga che ci sia una speranza di ripescaggio, a gelare tutti ci ha pensato il presidente Gravina che ha definito "fantasiose" queste ipotesi

Ci si aspettava un qualche intervento politico per favorire i galletti, e per converso anche i peloritani, ma si è preferito evitare rischiosi precedenti. Anche perché, l'acquisto dei pugliesi da parte di De laurentis, è stato visto con disprezzo dagli alti dirigenti federali che spingevano per le squadre B e non per le multiproprietà.

La finta telenovela, alimentata anche da un stampa che ha spinto inutilmente a illudere i molti tifosi, si è conclusa.

Il Bari, il cui presidente ha stanziato tre milioni per questa stagione in D e che ha soffiato Evacuo alla Cavese di Modica, sta allestendo una squadra imbattibile per i dilettanti, con notevole fastidio del Taranto che aveva allestito una super squadra per salire in C.

Il Messina invece, e questo sta destando enormi perplessità, è quasi fermo al palo senza una rosa valida. Molti ex Igea stanno venendo alla corte di mister Raffaele, ma questo non può bastare. Sciotto parla di ripescaggio sapendo di mentire, e il progetto non decolla.

Nella stessa città dello Stretto i neopromossi del CdM hanno invece, con obiettivi diversi, già pronta la squadra.

Il girone dove saranno inserite le peloritane sarà uno dei più modesti di sempre. Gela e Castrovillari hanno delle discrete rose. Mentre le protagoniste della scorsa stagione hanno tanti problemi. La Nocerina non ha proprietà, mentre il Troina ha perso rutti i pezzi migliori, compreso il tecnico Pagana andato a Siracusa. Con un po di buona volontà le due peloritane potrebbero fare il vuoto: ecco perché la mancata fusione tra le due realtà è sembrata un delitto.

La serie C è a portata di mano, ma solo se a parole si associano competenza e progetti a lungo termine e seri.

Italian Football Federation Press Confer
Fonte: l'autore Alan paul Panassiti

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.