Vola la Juve con Morata, scivolone Roma contro la Samp e che Lazio!

Un gol di Alvaro Morata stende il Palermo e porta la Juve a +14 sulla Roma che cade all'Olimpico sotto i colpi della Samp. Sprofonda il Parma

di Francesco Fiori
Francesco Fiori
(121 articoli pubblicati)
Morata

Che nessun virus tocchi mai la vita, lo sport e chi ama scrivere di sport.

Domenica 15 marzo (2015) la Serie A presenta la 27esima giornata e il massimo campionato calcistico italiano vede la fuga della Juventus grazie alla prodezza di Morata che, entrato al minuto 60, impiega dieci minuti per battere Sorrentino e dare ai bianconeri i tre punti contro un buon Palermo guidato da Vazquez e Dybala.

Il divario sulla seconda, la Roma, cresce ancora, poiché i giallorossi di Totti (sostituito al 63' da Verde), perdono in casa contro la Samp di Mihajlovic che col tridente Eder-Okaka-Eto'o espugnano l'Olimpico per 2-0 grazie a De Silvestri e Muriel e aumentano la crisi dei capitolini alla quinta partita consecutiva senza vittoria (8 febbraio, Cagliari-Roma 1-2 firmato Ljajic, Paredes e M'Poku).

Alle spalle della Roma in classifica ecco l'orgoglio della Lazio che ora è a meno 1 dai cugini e che va a vincere a Torino per 2-0 grazie ad una doppietta del genio di Felipe Anderson, col Toro che sbatte su Marchetti con un inconcludente attacco formato da Amauri e Martinez.

La corsa Champions si infiamma tra Napoli, quota 49, Fiorentina e Sampdoria quota 45, con i partenopei che perdono rovinosamente a Verona sotto i colpi dell'eterno Luca Toni, in gol due volte nel 2-0, mentre esulta la Fiorentina al minuto 89, quando cioè Joaquin batte Diego Lopez nella vittoria per 2-1 contro il Milan.

Piangono i rossoneri ma non sorridono i nerazzurri dell'Inter, fermati in casa 1-1 dal Cesena, penultimo in classifica, con Palacio che risponde a Defrel in apertura del secondo tempo, trascinando ancora la crisi di vittorie per Mancini, dopo l'1-2 a Cagliari firmato Kovacic e Icardi del posticipo del 23 febbraio.

L'Inter aggancia al settimo posto il Genoa che perde 2-0 in casa contro il Chievo dove una doppietta di Paloschi porta l'attaccante di Chiari a quota 31 gol in maglia clivense, secondo dietro Pellissier.

In coda il Parma ormai vicinissimo alla retrocessione, 9 punti in classifica, perde 4-1 contro il Sassuolo trascinato dalla doppietta di Sansone, dal rigore di Berardi e dal gol di Missiroli che rende vano il gol di Lila per i gialloblù. 

Davanti al Parma ecco la coppia Cagliari-Cesena a quota 21, con entrambe le squadre che strappano un 1-1, il Cesena all'Inter e la squadra sarda in casa con l'Empoli tra le proteste per il pari toscano di Vecino al 93esimo che recupera la rete di Joao Pedro al 20esimo.

Sia i rossoblù di Zeman che i bianconeri di Di Carlo non riescono a recuperare punti all'Atalanta di Reja che a quota 25 non va oltre lo 0-0 contro l'Udinese di Di Natale, con l'attacco locale tutto argentino con Moralez, Denis e Gomez che non punge la porta di Karnezis.

Chiudere gli occhi, sognare un pallone, sentire il boato del tifo, gli sfottò degli amici al bar, le gioie per la vittoria, la tristezza per la sconfitta, ma sopratutto il fatto di saper sognare sempre, oggi più che mai che da casa un virus è convinto di fermarci, ma noi, popolo di sognatori, artisti e gente con attributi, non glielo permetteremo e se questa Serie A sarà ferma rispondiamo con un chi se ne frega, raccontando quelle del passato.

Andrà tutto bene.

Toni
Fonte: l'autore Francesco Fiori

DI' LA TUA

0
0 COMMENTI

Inserisci qui il tuo commento

Gazzetta Fan News

Modifica password

Inserisci la password attuale: Inserisci la nuova password: Conferma la nuova password:

Grazie per il tuo commento!

Il commento sarà pubblicato appena moderato.

Grazie per aver compilato il form

A breve riceverai un feedback dallo staff di Gazzetta Fan News.

Grazie

Hai completato la tua registrazione! Inizia subito a partecipare alla community di GazzaNet

Continua la tua navigazione

Login

RECUPERA PASSWORD

Per recuperare la password inserisci la tua email.



Inserisci la tua nuova password.